Torna il 2% per i progettisti interni | Architetto.info

Torna il 2% per i progettisti interni

wpid-1587_iiiing.jpg
image_pdf

Con l’approvazione finale della Camera, l’aliquota dell’incentivo per la progettazioni spettante ai professionisti tecnici della Pa è stato riportata al 2%. Nell’approvazione del collegato al lavoro infatti l’art. 35 al comma 3 si legge “All’articolo 61 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, il comma 7-bis, introdotto dall’articolo 18, comma 4-sexies, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, è abrogato” in pratica si elimina la riduzione dell’incentivo per i tecnici delle amministrazioni pubbliche allo 0,5% introdotta a partire dal 1° gennaio 2009.

Particolarmente soddisfatta l’Unitel e in particolare il suo Presidente ing. Bernardino Primiani che vedeva nella riduzione allo 0,5% un “provvedimento propedeutico alla decimazione degli interventi in house ed al ricorso generalizzato al mercato privato della progettazione, con i costi immaginabili. Sin dalla prima ora, infatti, Soci e dirigenti di Unitel hanno sopratutto rappresentato alla comunità politica, tecnica ed ai Cittadini delle nostre realtà locali, che la norma contribuiva ad innescare soprattutto una pericolosa azione di progressivo depauperamento del potenziale di crescita e professionalizzazione del personale tecnico della Amministrazioni”.

Di tutt’altro avviso Inarsind, il Sindacato degli Architetti e Ingegneri liberi professionisti che per voce del suo Presidente, ing. Salvo Garofalo, esprime il “disappunto dei propri iscritti che in un momento di gravissima crisi vengono ancora una volta messi inopportunamente in concorrenza proprio con i colleghi dipendenti che già hanno una retribuzione fissa. Questa situazione penalizza soprattutto i giovani liberi professioni che ormai si vedono negati il diritto di accedere al mondo delle progettazioni pubbliche schiacciati da un lato dalle grandi società di ingegneria e dall’altro dalla concorrenza della “progettazione interna” che spesso viene esercitata a discapito delle attività di amministrazione, pianificazione, coordinamento e controllo che di norma risultano carenti con grave nocumento per la società e l’economia”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Torna il 2% per i progettisti interni Architetto.info