A Calgary arriva l'eco-grattacielo di Bjarke Ingels | Architetto.info

A Calgary arriva l’eco-grattacielo di Bjarke Ingels

wpid-17689_bigtelussky.jpg
image_pdf

Big, lo studio danese di Bjarke Ingels celebre per il suo registro visionario, ambizioso e in qualche modo rivoluzionario, ha diffuso le immagini della sua ultima creazione. Si tratta di Telus Sky, torre da 58 piani progettata per la compagnia di telecomunicazioni Telus, che si staglierà – secondo le previsioni – dal 2017 nel pieno centro della città canadese di Calgary. Con i suoi 227 metri Telus Sky, che è stato ideato insieme allo studio locale Dialog, sarà uno degli edifici più alti di tutta la metropoli, solo 20 metri più corta di The Bow, il grattacielo recentemente completato da Foster + Partners localizzato nelle vicinanze della futura torre di Big.

Il centro di Calgary ha assunto negli ultimi tempi la tipica conformazione delle città nord-americane, con un raggruppamento di grattacieli circondato da una periferia a bassa densità. “Il Telus Sky”, spiega Ingels, “è il tentativo di creare una fusione tra il lavoro e la vita quotidiana nel punto di intersezione tra le arterie principali del centro, in modo tale da stimolare un ambiente più variegato e vivibile”.

La torre prenderà il posto dell’esistente edificio culturale Art Central, destinando però al suo interno ben 500 mq di galleria pubblica ai lavori degli artisti locali. Dei 750 mila mq di superficie disponibile, ‘solo’ 155 mila saranno destinati alla Telus, mentre altri 430 mila saranno destinati a uffici e i restanti mq adibiti a residenze, negozi ed altri esercizi.

Il Telus Sky punta ad essere tra gli edifici più tecnologicamente innovativi e sostenibile dell’intero Nord America. Una volta completato, spiega lo studio, consumerà il 35% di energia in meno di altri grattacieli di pari dimensioni, sebbene siano in corso di sviluppo ulteriori piani per potenziare l’efficienza energetica fino a consentire un risparmio dell’80%. Tra le varie ‘best practices’ che verranno implementate, anche una tecnologia per la raccolta e il riciclo dell’acqua piovana, che permetterà di risparmiare milioni di litri d’acqua all’anno: un sistema che, insieme a molti altri, concorrerà a far ottenere all’edificio la certificazione Leed Platinum per la sostenibilità.

Copyright © - Riproduzione riservata
A Calgary arriva l’eco-grattacielo di Bjarke Ingels Architetto.info