Frank Gehry per la torre di Luma Arles, Parc des Ateliers: le foto del cantiere | Architetto.info

Frank Gehry per la torre di Luma Arles, Parc des Ateliers: le foto del cantiere

Proseguono i lavori del Parc des Ateliers di Arles promosso dalla fondazione Luma. Al centro del progetto la torre riflettente di Frank Gehry affacciata sugli edifici industriali circostanti ristrutturati da Selldorf Architects

© Victor Picon
© Victor Picon
image_pdf

Nella piccola città provenzale di Arles, nel sud della Francia, è in costruzione un importante centro d’arte contemporanea dedicato alla ricerca e alla produzione artistica multidisciplinare, arti visive, fotografia, editoria, cinema, scienza e design. Si tratta del Luma Arles – Parc des Ateliers promosso dall’istituzione Luma Foundation (guidata dalla collezionista svizzera Maja Hoffmann) e progettato da grandi nomi del panorama architettonico: Frank Gehry, Annabelle Selldorf e Bas Smets.

Vista di cantiere del Parc des Ateliers, ottobre 2017 © Hervé Hôte

Vista di cantiere del Parc des Ateliers, ottobre 2017 © Hervé Hôte

Il fulcro dell’intero complesso sarà la torre iconica (Arts Resource Center) che porta la firma di Frank Gehry, un edificio scultoreo contraddistinto da superfici curve e riflettenti, presumibilmente agibile verso la fine del 2019; esternamente, osservando le foto del cantiere, è comunque già percepibile l’intera configurazione organica dell’edificio, alto 56 metri. Il progetto del grande parco destinato all’arte, situato in un ex sito industriale, include inoltre cinque edifici storici (utilizzati in passato dalla ferrovia nazionale francese per la produzione e la riparazione delle locomotive a vapore), conservati, recuperati e convertiti in spazi di grande suggestione dagli architetti newyorkesi Selldorf Architects (alcune riconversioni sono già aperte al pubblico con una programmazione di mostre, altre sono ancora in fase di cantiere). A completare e unificare l’intervento, un lussureggiante parco pubblico progettato dal paesaggista belga Bas Smets.

Vista di cantiere dell’Arts Resource Center progettato da Frank Gehry, ottobre 2017 © Hervé Hôte

Vista di cantiere dell’Arts Resource Center progettato da Frank Gehry, ottobre 2017 © Hervé Hôte

Conosciuta come patria dell’arte per aver ispirato il grande pittore Van Gogh, la città di Arles con i suoi caratteri paesaggistici e storici ha ispirato anche lo stesso Frank Gehry nella progettazione dell’Arts Resource Center. L’immagine del nuovo edificio ricorda infatti le cime calcaree di Les Alpilles, piccola catena montuosa della valle del Rodano caratterizzata da vette frastagliate raffigurate dallo stesso Van Gogh con tratti visibili e dinamici. Ecco che il design della torre, con il suo aspetto a tratti curvo a tratti spigoloso, cerca di catturare il movimento e i colori del contesto; basti pensare che per comporre la facciata sono stati utilizzati 10.752 blocchi in acciaio inossidabile dalla finitura altamente riflettente. Ampio 15.000 mq, l’Arts Resource Center ospiterà strutture di ricerca, studi per gli artisti, workshop, sale di presentazione, nonché una caffetteria e un archivio. Alla base della torre un tamburo circolare in vetro che ricorda l’anfiteatro romano di Arles, fungerà da spazio di transizione tra interno ed esterno aprendo la vista sugli edifici industriali circostanti.

Veduta aerea del sito, giugno 2017 © Victor Picon

Veduta aerea del sito, giugno 2017 © Victor Picon

I capannoni ferroviari esistenti, con i loro soffitti alti e la loro struttura caratteristica, hanno invece rappresentato un enorme potenziale di riutilizzo. Gli edifici attualmente in fase di completamento sono La Formation e il Former Administration Building, entrambi aditi a residenze per gli artisti, mentre sono già aperti al pubblico Les Forges (ex fonderia) e La Mécanique Générale (ex officina per le automotrici) convertiti in spazi espositivi. Gli interventi di Selldorf Architects mirano a conservare il più possibile la struttura originale, sia negli esterni attraverso il restauro della pietra calcarea, sia negli interni ove colonne in acciaio, staffe e tralicci sono mantenuti e lasciati a vista. In copertura sono stati realizzati nuovi rivestimenti con tegole in argilla, così come nuovi lucernari migliorano i rapporti di aerazione e illuminazione naturale. Aggiunte riconoscibili e cortili all’aperto racchiusi nell’impronta originale degli edifici completano il parco della cultura. Il campus fungerà anche da parco pubblico e incoraggerà l’interazione tra il Parc des Ateliers, ampio 6 ettari, e il centro città. Progettata dal paesaggista Bas Smets, l’area incorpora l’uso di flora locale e la presenza di un lago per creare varie zone microclimatiche.

Scheda del progetto
Architects: Frank Gehry, Gehry Partners, LLP; Annabelle Selldorf, Selldorf Architects
Client: LUMA Foundation – Maja Hoffmann
Executive Architecture Team: Studios Architecture, C+D
Landscape Architect: Bas Smets, Bureau Bas Smets
Project Management: MYAMO
Technical Consultants: Setec, Terrel, Tess, BMF, Socotec, Transsolar, Lamoureux, Terao, C&C, Casso
Location: Arles, Francia
Size: 6 ettari
Construction period: buildings 2014-2019; public park 2017-2020
Buildings: Arts Resource Center (designed by Frank Gehry – 2019), Former Administration Building (rehabilitation by Selldorf Architects – 2019), Les Forges (rehabilitation by Selldorf Architects – 2014), La Formation (rehabilitation by Selldorf Architects – 2018), La Mécanique Générale (rehabilitation by Selldorf Architects – 2016), La Grande Halle (2007)
Arts Resource Center: 15.000 mq; 10 levels; height 56 m
Features: sale mostre, spazi espositivi e di presentazione, studi per gli artisti, biblioteca, uffici, aule e laboratori, caffetteria e archivio; residenze per artisti; parco pubblico

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Frank Gehry per la torre di Luma Arles, Parc des Ateliers: le foto del cantiere Architetto.info