Ampliamenti edilizi: una casa in legno sulla terrazza dell'hotel | Architetto.info

Ampliamenti edilizi: una casa in legno sulla terrazza dell’hotel

GP_HOUSE_EXTERIOR_06
image_pdf

Lo Studio Daniele Menichini ha realizzato un singolare intervento a Revine Lago, in provincia di Treviso. All’ultimo piano dell’hotel Ai Cadelach è stata realizzata una casa di legno che funge da abitazione privata, integrando spazi ricavati da alcune camere con un modulo eco-sostenibile in legno sulla terrazza a tasca (che, appunto, era a servizio delle camere dell’albergo).

L’ampliamento rievoca, nelle intenzioni dei progettisti, l’immagine simbolica dell’attinia e del paguro, i due esseri viventi marini che convivono uno nello scheletro dell’altro. L’idea è volutamente molto semplice, volta a creare un segno contemporaneo di estrema pulizia di linee e volumetria; il tutto attraverso il taglio di una porzione del tetto e il posizionamento di un modulo eco-sostenibile in legno sulla terrazza, collegato all’edificio esistente.

Una “intrusione” architettonica scaturita dallo studio approfondito del complesso edilizio, frutto di molti ampliamenti e superfetazioni in vario stile dagli anni settanta fino ad oggi, quasi come “un’attinia che si attacca alla conchiglia del paguro per avere una base certa e trarne vita”.

GP_HOUSE_EXTERIOR_01

L’architettura dell’ampliamento è costituita da un parallelepipedo in legno, che ospita un grande open space dedicato al living e alla cucina e in cui si crea un cannocchiale visivo verso il paese e la montagna, dando spazio a grandi aperture che mettono in contatto con l’ambiente circostante, dove il piacere di vivere viene enfatizzato da questi scorci naturali.

La struttura tecnica è piuttosto lineare ma allo stesso tempo complessa ed è nascosta dal rivestimento in tavolato di legno trattato con cere naturali. Il telaio in travi di metallo e piastre di fissaggio asimmetriche consente l’ancoraggio alle strutture esistenti di travi e pilastri in cemento armato e crea un nodo strutturale antisismico abilitato alla perfetta distribuzione dei carichi, sopra il quale è posizionato il sistema di costruzione in legno più leggero e a basso impatto ambientale.
La zona notte e i locali di servizio sono stati ricavati da 7 vecchie camere poco utilizzate, facendo in modo che la nuova configurazione planimetrica fosse il più possibile vicino all’originale così da non dover pesantemente intervenire sulle strutture murarie consolidate. Guarda la gallery di seguito.

 

L’intero intervento di ampliamento e ristrutturazione è concepito su tecniche impiantistiche, materiali e soluzioni che, in coerenza con la filosofia progettuale eco-responsabile dello studio, vanno alla ricerca dell’impatto ambientale più vicino possibile allo zero, anche attraverso l’utilizzo di fonti energetiche alternative ben nascoste e integrate.

 

Chi è Daniele Menichini

Architetto e designer, Menichini nasce ad Engelberg in Svizzera nel 1968. Nel 1995 si laurea presso la Facoltà di Architettura di Firenze e nel 1996 fonda lo “Studio di Architettura Daniele Menichini”, che si occupa di progettazione, interni, allestimenti, design, comunicazione visiva ed art direction di aziende nel settore dell’arredamento home e contract. Sin dagli inizi dell’attività lo stile progettuale si è subito contraddistinto per la contemporaneità delle linee, la matericità, il colore, l’atmosfera, l’emozionalità e la multisensorialità dello spazio con particolare attenzione allo sviluppo di concept eco-based ed al dettaglio a partire da un percorso formativo tecnico, creativo e manageriale basato su ricerche e progetti in tema di progettazione integrata e sostenibile riferita ai paesi del nord europa che con le esperienze maturate hanno portato alla stesura dei progetti “green room” e “green_zero”.

Copyright © - Riproduzione riservata
Ampliamenti edilizi: una casa in legno sulla terrazza dell’hotel Architetto.info