Architettura alpina: l’Eden Selva è il primo ClimaHotel della Val Gardena | Architetto.info

Architettura alpina: l’Eden Selva è il primo ClimaHotel della Val Gardena

Completamente rinnovato, il Mountain Design Hotel Eden Selva, situato nella Val Gardena, ha ricevuto il riconoscimento di ClimaHotel dall’Agenzia CasaClima per l’elevato livello di sostenibilità ambientale

L’Hotel Eden Selva nel paesaggio alpino della Val Gardena © Sarah Gasparotto
L’Hotel Eden Selva nel paesaggio alpino della Val Gardena © Sarah Gasparotto
image_pdf

L’hotel quattro stelle Mountain Design Hotel Eden Selva, situato nella Val Gardena (Bolzano) e progettato dagli architetti trentini Paolo De Martin e Sarah Gasparotto, è un esempio di architettura in legno a basso impatto ambientale e ad alta efficienze energetica, realizzata unicamente con materiali naturali che non si discostano dalla tradizione dell’architettura alpina e contemporaneamente regalano all’edificio una veste innovativa.

L’elevato livello di sostenibilità ha infatti portato la struttura alla certificazione ClimaHotel secondo il protocollo dell’Agenzia CasaClima (è il primo ClimaHotel della Val Gardena). Con un fabbisogno energetico dell’involucro di soli 28 kWh/mq/anno e una efficienza complessiva di 37 kg CO2/mq/anno, l’edificio rientra nella migliore classe energetica A-Gold. Nell’ambito della prestigiosa certificazione CasaClima, l’agenzia ha anche svelato i vincitori del CasaClima Awards 2016, il premio per eccellenza assegnato ai migliori edifici CasaClima.

Incaricati di ampliare e migliorare la struttura precedente del Garni Eden Hotel, i progettisti hanno investito molto sul costante rapporto con il luogo, con il paesaggio naturale e con il torrente Rio Gardena, per realizzare un’architettura contemporanea che trova la propria autenticità nella tradizione costruttiva locale attraverso l’utilizzo di un materiale rurale come il legno, totalmente rivisitato. Ad ispirare le facciate dell’Hotel Eden Selva, caratterizzate da un sistema di brise soleil fissi in listelli verticali, sono stati proprio i “larici rossi d’autunno della Val Gardena che si alzano verticali verso il cielo, tutti diversi e storti”. Realizzati in legno micro lamellare di abete, i frangisole sono infatti disposti ad interassi variabili in funzione della luce e del panorama e creano una composizione discontinua che ricorda una “selva” di alberi. Con questo rivestimento ligneo, l’edificio, scavato in corrispondenza degli angoli da una serie di logge, riacquista una certa compattezza che evidenzia ulteriormente lo sbalzo dei tre piani superiori.

Sviluppata su quattro piani fuori terra e un piano interrato, la struttura presenta un doppio sistema costruttivo in cemento armato e legno. Il basamento in cemento armato (piano terra e interrato) protegge dall’umidità e rende più solida la struttura, mentre i piani superiori adibiti alle camere sono realizzati con un sistema misto di costruzione in legno massiccio x-Lam (solai e copertura) e telaio a lastre di fibrogesso (pareti). Le finiture prevalentemente in legno a vista rendono le camere molto calde e accoglienti per gli ospiti, progettate seguendo un modello di stanza flessibile con distribuzione aperta del bagno, contrassegnato da pannelli che ritraggono paesaggi naturali.

ClimaHotel_1

L’hotel è contraddistinto da un rivestimento in listelli lignei che fungono sia da oscuramenti fissi che da filtro visivo ed estetico © Sarah Gasparotto

Le elevate prestazioni termiche sono il risultato di pacchetti isolanti con uno spessore minimo di 30 cm per le pareti fino a un massimo di 60 per la copertura; accanto al cemento armato è stato utilizzato il polistirene estruso mentre la lana di roccia è stata abbinata al legno. Tra una stanza e l’altra è inoltre prevista una parete con un isolamento acustico altamente superiore allo standard, ottenuto mediante un isolante in fibra minerale, una camera d’aria e una doppio strato di fibrogesso. Anche i serramenti esterni, in legno di larice, presentano un doppio strato isolante e un triplo vetro basso emissivo ad alte prestazioni termiche e acustiche.

L’impiantistica è a basso consumo energetico con un duplice impianto: una caldaia a condensazione a gas metano e una macchina di micro cogenerazione di produzione termica ed elettrica. Il riscaldamento è a pavimento in tutti i locali e l’illuminazione, anch’essa a basso consumo, è ottenuta con luci led.

ClimaHotel_2

Le finiture in legno a vista rendono le camere molto calde e accoglienti per gli ospiti © Sarah Gasparotto

La distribuzione interna del Mountain Design Hotel Eden Selva si basa su una riorganizzazione del sistema di accessi; la nuova corte sud avrà la funzione di ingresso pedonale, mentre una rampa a bassa pendenza conduce al garage sotterraneo ove si trovano 23 posti auto (uno per ogni camera), i locali tecnici, un deposito sci, i servizi igienici e un’ampia zona wellness. Privilegiando la vista verso il paesaggio circostante con superfici completamente vetrate, il piano terra ospita la reception, il ristorante e le tradizionali stube. Una scala centrale porta gli ospiti ai piani superiori in cui sono dislocate le camere doppie o suite, alcune dotate di logge.

Scheda del progetto
Progettisti: Paolo De Martin e Sarah Gasparotto Architetti, via Falzes 17 Brunico
Categoria edificio: edificio alberghiero
Ubicazione: Strada Ciampinëi 25, Selva di Val Gardena, BZ, Trentino Alto Adige
Committente: Roland Demetz, via Ciampinei 5, Selva Gardena
Strutture: ingegnere Sergio Bertoldi, Brunico, San Giorgio
Cronologia: inizio lavori aprile 2015 – fine lavori dicembre 2015
Superficie fondiaria: 950 mq
Superficie utile: 395 mq
Superficie verde: 250 mq
Appaltatore: ditta LignoAlp, Bressanone
Impianti tecnologici: ditta Hofer , Ortisei
Serramenti: ditta Wolf Fenster
Acustica: ingegnere Massimo Rovere
Costo: 4.200.000 €
Certificazione: ClimaHotel dell’Agenzia CasaClima – classe A-Gold

Leggi anche: CasaClima Awards 2016: i vincitori

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Architettura alpina: l’Eden Selva è il primo ClimaHotel della Val Gardena Architetto.info