BigMat International Architecture Award: premiati i 18 finalisti | Architetto.info

BigMat International Architecture Award: premiati i 18 finalisti

Scelti tra oltre 700 progetti, i finalisti comprendono 3 studi di progettazione italiani. Il prossimo 20 novembre la cerimonia di premiazione a Berlino

Bigmat_Award_18finalisti
image_pdf

Il BigMat International Architecture Award ha i suoi 18 finalisti che ora concorrono per aggiudicarsi i premi dell’edizione 2015 della manifestazione. Sono stati oltre 700 i progetti inviati dai candidati a questa seconda edizione, in cui si è registrata una numerosa partecipazione di studi di progettazione italiani con ben 172 candidature.

La prestigiosa giuria che ha valutato i progetti ammessi, con il vincolo di essere già stati realizzati al 31/12/2014, è presieduta da Jesús Aparicio e dal segretario Jesús Donaire, insieme a Olivier Bastin (Belgio), Martin Rajnis (Repubblica Ceca), Antonio Ortiz (Spagna), Henry Ciriani (Francia), Francesco Dal Co (Italia), Manuel Aires Mateus (Portogallo).

I vincitori del Premio nazionale (5.000 euro) per ciascuno dei Paesi partecipanti, il vincitore del Gran Premio (30.000 euro) e la menzione speciale Giovani architetti saranno presentati il 20 novembre a Berlino, in una location d’eccezione, l’antica e famosa fabbrica di porcellane Bolle, ristrutturata e rinnovata da poco in un Centro polifunzionale.

Finalità del premio è richiamare l’attenzione sulle opere realizzate che hanno dato un contributo significativo alla cultura architettonica contemporanea in Spagna, Francia, Italia, Portogallo, Repubblica Ceca e Belgio (Vallonia e Bruxelles città). La manifestazione (di cui abbiamo già parlato in questo articolo) pone soprattutto l’accento sul dialogo che queste opere hanno saputo tessere con temi senza tempo della storia dell’architettura, nonché il loro rapporto con i parametri di efficienza energetica, l’edilizia sostenibile e la ricerca di un maggiore comfort e abitabilità degli edifici, di qualsiasi tipologia si tratti (opere residenziali, commerciali, industriali, istituzionali, ecc.).

La rosa dei 18 progetti mostra grande diversità di stili. Qui di seguito l’elenco diviso per nazione.

Una cartina delle nazionalità dei progetti finalisti

Una cartina delle nazionalità dei progetti finalisti

Italia

  • GEZA Gri e Zucchi Architetti Associati
  • Pedevilla Architects
  • Architetto Andrea Oliva

Belgio

  • Atelier d’architecture Pierre Hebbelinck et Pierre de Wit
  • V+ / Vers plus de bien-être
  • URA YvesMalysse&KikiVerbeeck

Francia

  • Agence d’Architecture Philippe Prost
  • LAN
  • A+ Samueldelmas Architectes Urbaniste

Portogallo

  • GSMM Architetti. Giorgio Santagostino, Monica Margarido
  • José Adrião Arquitectos
  • AZO Sequeira Arquitetos Associados Lda

Repubblica ceca

  • ARCHTEAM
  • Prokš Přikryl Architekti
  • Projektil Architekti

Spagna

  • Estudio Arquitectura Campo Baeza
  • HACE Studio
  • RCR Arquitectos

I finalisti italiani

Pedevilla  Architect: La Pedevilla Pliscia

Pedevilla Architect: La Pedevilla Pliscia

GEZA_01_Faber_photo_MassimoCrivellari

GEZA Gri e Zucchi Architetti Associati, Foto Massimo Crivellari

ANDREA OLIVA_Architectural_and functional_requalification_Shed

Andrea Oliva, The architectural and functional requalification of Shed

 

I commenti dei giurati e del presidente di BigMat International Claude Coutant sono stati raccolti nel video qui di seguito:

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti riguardanti il premio sono disponibili sul sito dedicato al concorso.

Una novità di questa seconda edizione è il blog con tutte le news sul premio, sul mondo dell’architettura e un’agenda di eventi oltre ai due profili Twitter e Facebook.

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
BigMat International Architecture Award: premiati i 18 finalisti Architetto.info