Il concorso per lo Science Center di Città della Scienza ha un vincitore | Architetto.info

Il concorso per lo Science Center di Città della Scienza ha un vincitore

E' la creazione di Stige & Partners, Icaro, Dinamicamente Architetti, Nicola Marchetti, Alfredo Postiglione, Salvatore De Lucia e Valerio Ciotola. Alla cordata di progettisti e aziende, oltre a un premio in denaro, anche l'incarico di progetto definitivo

napoli_citta_scienza
image_pdf

Sono stati annunciati i risultati del concorso indetto da Fondazione Inarcassa per la progettazione del nuovo “Science Center” di Città della Scienza che sorgerà a Napoli. Ad aggiudicarsi il primo posto, con un premio in denaro pari a 65 mila euro, oltre all’incarico del progetto definitivo, la creazione di: Stige & Partners, Icaro, Dinamicamente Architetti, Nicola Marchetti, Alfredo Postiglione, Salvatore De Lucia e Valerio Ciotola.

“Questo concorso ha ottenuto risultati ben oltre le aspettative poste”, ha dichiarato Andrea Tomasi, presidente della Fondazione. “Tutti i progetti ricevuti sono stati di qualità superiore e rispondenti a quanto richiesto dalla committenza, nonché molto apprezzati dalla commissione giudicatrice. In particolar modo, sono felice che a vincere sia stato un progetto i cui artefici sono due giovani architetti. Era questo che auspicavamo quando abbiamo deciso di strutturare il bando: dimostrare che la qualità non è direttamente proporzionale agli anni di esperienza del professionista. Anche la freschezza delle idee deve contare.”

Il bando nasce a seguito dell‘incendio del marzo 2013 che distrusse il Science Center. Nell’ottica di offrire un contributo solidale, la Fondazione si è promossa per redarre il bando e fornire il finanziamento dei premi. “Si è trattato di un concorso innovativo che ha permesso a tutti gli architetti e gli ingegneri liberi professionisti, anche i più acerbi, di accedere alla prima fase, in quanto non sono stati richiesti requisiti quali il fatturato o le opere realizzate”, continua Tomasi.

Le proposte, pervenute da tutto il mondo (Italia, Francia, Germania e Giappone), sono state quasi un centinaio e solamente 15 sono entrate di diritto nella seconda fase del bando, conclusasi a maggio 2015. I criteri di valutazione sono stati: sviluppo urbanistico paesaggistico, layout funzionale, composizione architettonica nonché sostenibilità ambientale, fattibilità e durabilità.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il concorso per lo Science Center di Città della Scienza ha un vincitore Architetto.info