Doha e i suoi nuovi 65.000 mq | Architetto.info

Doha e i suoi nuovi 65.000 mq

wpid-8076_home.jpg
image_pdf

Mossessian & Partners, uno dei quattro studi di architettura chiave per la realizzazione della seconda fase dell’urbanizzazione da 5.5 milioni di dollari per Dohaland la capitale del Qatar, riceverà il prossimo marzo due premi al MIPIM, un congresso di real estate che si svolgerà nel centro dello sviluppo. Fondato nel 2002, il MIPIM Architectural Review Future Projects Awards comprende otto categorie i cui premi vengono assegnati ogni anno a progetti internazionali in costruzione. I giudici cercano i progetti che coniugano l’eccellenza architettonica e l’attenzione al contesto, sia ambientale e sociale. Nell’albo d’oro dei vincitori Jean Nouvel (2010, per One New Change) e Foster & Partners (2003, per Swiss Re).

La piazza Al Barahat formerà il fulcro dei 35 ettari del piano chiamato “Musheireb”, composto da nove edifici ad uso misto: residenziale, commerciale e vendita al dettaglio, disposti attorno a una piazza pubblica. La giuria del MIPIM ha concluso che: “Questo elemento centrale del progetto restituisce pienamente la volontà di creare una architettura contemporanea vernacolare all’interno del Golfo. Lo spazio pubblico si mescola armoniosamente con gli aggetti e con il costruito, e nonostante la sua vasta scala esso si riferisce alla vita quotidiana.”

Nel progetto di Mossessian & Partners vi sono oltre 65.000 mq di spazio civico, con strade strette circondate da alti edifici per creare ombre allungate e contemporaneamente forme abitabili per i residenti, mentre marciapiedi saranno rivestiti con pavimentazioni in oro per ricreare la ricchezza e il calore di un interno tradizionale. In totale, lo sviluppo di Musheireb sarà composto da oltre 100 edifici e sarà completato nel 2016. Musheireb mira ad invertire il modello di espansione urbana e la forte dipendenza dal trasporto automobilistico che caratterizza il centro di tante città: esso invoglia i residenti di nuovo al centro della città con la creazione di spazi veramente integrati e intrecciati fra loro da molteplici funzioni. Inoltre l’approccio sostenibile è stato indispensabile: l’intero piano mira alla certificazione LEED Gold, diventando così nel mondo il primo progetto sostenibile di riqualificazione di un centro urbano.

Michael Mossessian, direttore di Mossessian & Partners ha spiegato: “La municipalità di Dohaland ci ha fornito un brief semplice ma incredibilmente esigente, che ci ha invitato a sviluppare un sistema che sfida le aspettative della riqualificazione urbana contemporanea di questa regione. Il concetto stesso di una piazza, uno spazio d’incontro civico, è una prima assoluta per il Qatar e questa ne sarà l’area più ampia. Riteniamo essere sia privilegiati sia felici di essere coinvolti nello sviluppo di un progetto così unico”.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Doha e i suoi nuovi 65.000 mq Architetto.info