Dos Architects vince il Premio Fondazione Renzo Piano 2013 | Architetto.info

Dos Architects vince il Premio Fondazione Renzo Piano 2013

wpid-16057_Schermataalle.jpg
image_pdf

E’ il progetto “Duncan Terrace” dello studio Dos Architects il vincitore della seconda edizione del Premio Fondazione Renzo Piano, il concorso dedicato ai talenti dell’architettura under 40.

Dopo aver scoperto nelle scorse settimane semifinalisti e finalisti, oggi la giuria ha comunicato ufficialmente i tre progetti vincitori, all’interno della cerimonia svoltasi presso Villa Nave, la sede della Fondazione a Genova Vesima.

La giuria ha attribuito anche due menzioni ex aequo: al progetto “Nuova sede della società Sisma Spa” di Elisa Dalla Vecchia, e a “La Corte degli Alberi – Nuova scuola primaria” di Tomas Ghisellini Architetti.

Le selezioni del premio, destinato a un’opera concretamente realizzata in Italia o all’estero da parte di studi che avessero almeno un componente italiano, hanno coinvolto una giuria composta da 4 membri dello Studio Piano e 4 dell’Associazione Italiana di Architettura e Critica_pres/Stletter, il web magazine fondato da Luigi Prestinenza Puglisi (leggi l’intervista qui) che è partner dell’evento. Al vincitore vanno 10 mila euro, mentre al secondo e al terzo classificato viene assegnata una targa.

In occasione della premiazione, è stato presentato il nuovo volume della serie italiArchitettura, edita da UTET Scienze Tecniche e dedicato specificatamente al “Premio Fondazione Renzo Piano 2013”. Curato da Renzo Piano e Luigi Prestinenza Puglisi, il volume presenta le realizzazioni dei giovani progettisti italiani giunti fino alla fase di selezione finale, descritti nei particolari, dal concept ai dettagli costruttivi in scala, fino alla documentazione iconografica e tecnica. Per saperne di più clicca qui.

Di seguito, una selezione di foto dalla cerimonia di premiazione.


Foto: da sinistra, Luigi Prestinenza Puglisi, Renzo Piano e Diego Barbarelli presentano i progetti vincitori

Foto: Renzo Piano consegna il premio a Lorenzo Grifantini e Tavis Wright (Dos Architects)

Foto: Lorenzo Grifantini di Dos Architects presenta il progetto vincitore (Duncan Terrace)

Foto: Elisa Dalla Vecchia presenta il suo progetto, menzione speciale

Foto: Tomas Ghisellini presenta il suo progetto, menzione speciale

I VINCITORI

1° Classificato: Duncan Terrace di Dos Architects

Il progetto premiato verte su un intervento di estensione per un’abitazione georgiana del 1850 a Londra, nel quartiere Islington, dotata di un ulivo secolare posizionato nel giardino antistante. Come da richiesta dei committenti, l’intero piano terra della casa è stato completamente rifatto ed è stato aggiunto un nuovo volume di vetro dove sono stati collocati la cucina e la sala da pranzo. Senza interferire con la struttura preesistente, la scatola di vetro fa entrare la luce naturale in una zona scarsamente illuminata.

Gli architetti hanno costruito il loro intervento sull’idea di eliminazione tra interno ed esterno nella parte pubblica della casa. Una soluzione di ‘continuità’ mantenuta anche per la parte più ‘intima’ della casa, lo studio, che ha un rivestimento in legno iroko e per il quale si sono creati pavimenti e pareti che dall’esterno “scivolano” all’interno, come se la struttura in legno facesse parte della vegetazione esterna.

La scelta dei materiali che crea una serie di contrasti: la leggerezza del vetro si contrappone alla consistenza dei mattoni dell’edificio originale, il freddo delle superfici riflettenti si riscalda grazie all’accostamento del legno e, ancora, il segno nuovo si impone sull’antico.

Lo studio Dos Architects è composto da Lorenzo Grifantini (Roma, 1973) e Tavis Wright (Formentera, 1978).

Guarda la scheda (1) del progetto

Guarda la scheda (2) del progetto

Menzione speciale ex aequo: Nuova sede della società Sisma Spa di Elisa Dalla Vecchia

L’edificio di Piovene Rcchette (Vi) è organizzato in due volumi: uno prefabbricato, che ospita produzione, laboratori e magazzino; uno in opera, articolato su due livelli, per uffici e sale riunioni. La facciata in vetro colorato e il sistema di frangisole s’interrompono in corrispondenza dell’ingresso. L’atrio vetrato a doppia altezza costituisce il perno dell’edificio: collega, visivamente e fisicamente, le aree principali di tutti i livelli e costituisce/contiene il percorso principale che porta dall’ingresso allo showroom ed infine al terrazzo sul tetto, dove viene svelato il paesaggio circostante: l’Altopiano di Asiago.

Guarda la scheda (1) del progetto

Guarda la scheda (2) del progetto

Menzione speciale ex aequo: La Corte degli Alberi – Nuova scuola primaria di Tomas Ghisellini Architetti

Realizzata tra febbraio 2010 e agosto 2011, la scuola primaria di Cenate (Bg) ha permesso di salvare un prezioso spazio verde dalla distruzione. Infatti il progetto ha densificato un compatto bordo architettonico su strada, concentrando ogni massa costruita proprio ai margini e ritagliando una suggestiva corte nascosta proprio nel cuore dell’intervento. Qui sopravvivono gli alberi piantati, ognuno, in occasione della nascita di un bambino; qui il sentimento collettivo continua in un certo senso a rigenerarsi; una specie di “fortificazione” urbana custodisce, protegge e cresce il più inestimabile tesoro della comunità.

Lo studio è fondato da Tomas Ghisellini (Ferrara, 1977).

Guarda la scheda (1) del progetto

Guarda la scheda (2) del progetto

Copyright © - Riproduzione riservata
Dos Architects vince il Premio Fondazione Renzo Piano 2013 Architetto.info