Edilizia residenziale sostenibile per un nuovo distretto urbano | Architetto.info

Edilizia residenziale sostenibile per un nuovo distretto urbano

wpid-5578_page.jpg
image_pdf

Lo studio svedese Møller Associati si è aggiudicato il primo posto in un concorso per la progettazione di un complesso urbano di diciotto palazzine sostenibili da ubicare nell’area di Norra Djurgaardsstaden, a Stoccolma. Le palazzine fanno parte di un più ampio progetto di convertire l’area in una zona completamente ad alto profilo ambientale. L’espressione formale delle residenze trova ispirazione nel vicino centro culturale di Husarviken, che affaccia sull’arcipelago antistante la città, e nel National City Park di Stoccolma. Afferma lo stesso architetto Møller "Il progetto permette di vivere una vita moderna basata su soluzioni sostenibili".

I 18 edifici sono suddivisi in 5 tipologie diverse, che verranno costruito in moduli sfalsati. La luce è un elemento carente in queste zone del nord, e molto bassa sulla linea dell’orizzonte, diviene perciò importante studiare modi per poterne ottimizzare la diffusione. Lo scaglionamento del volume principale consente alla luce di penetrare nei luoghi più stretti, e al contempo offre per ogni singola unità residenziale splendide viste sul fronte mare con la possibilità di creare altrettante terrazze verdi. Inoltre l’illuminazione intelligente, i pannelli solari per il riscaldamento e per recupero di calore, oltre alla volumetria, contribuiscono a minimizzare il consumo di energia.

Ogni edificio è dotato di un tetto verde che – insieme a vasche sotterranee sormontate da terreno drenante collocate nei cortili comuni – raccolgono l’acqua piovana, la filtrano, e forniscono un fertile terreno per la biodiversità.

L’obiettivo principale delle case è di adattarsi ai cambiamenti climatici globali, tanto che entro il 2030 è stato pianificato che l’intero distretto sia in grado di cessate l’utilizzo di combustibili fossili – e quindi non contribuirà più all’emissione di CO2. Il consumo energetico delle unità abitative non supererà i 55 kWh/m² per anno, con un massimo di 15 kWh/m² per anno utilizzato esclusivamente per l’elettricità. L’approccio sostenibile è l’elemento di continuità pensato per tutto il ciclo di vita dell’edificio – dalla fase di costruzione alla fase operativa e a quella, più tarda possibile ma comunque da tenere presente, di decadimento.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Edilizia residenziale sostenibile per un nuovo distretto urbano Architetto.info