Expo 2015, i progetti dei padiglioni | Emirati Arabi Uniti | Architetto.info

Expo 2015, i progetti dei padiglioni | Emirati Arabi Uniti

I colori della sabbia, onnipresente nel paesaggio arabo, dominano il concept del padiglione degli Emirati Arabi Uniti a Expo 2015, ideato da Foster+Partners. Progetto, immagini e video

wpid-25757_hp.jpg
image_pdf

È firmato dallo studio Foster+Partners il padiglione degli Emirati Arabi Uniti a Expo 2015, interpretando il tema della partecipazionenazionale, “Cibo per la mente”, su uno spazio complessivo di 4.386 metri quadri. Richiamando l’esperienza dell’antica città nel deserto – e la sua reinterpretazione contemporanea nel masterplan sostenibile di Masdar City ad Abu Dhabi -, il concept del padiglione è dominato dai colori della sabbia, onnipresente nel paesaggio arabo.

“Siamo molto orgogliosi di essere stati scelti ancora una volta per creare il padiglione nazionale per gli Emirati Arabi Uniti – ha dichiarato Norman Foster –. La nostra sfida è stata quella di progettare per due climi: per creare uno spazio confortevole e naturalmente fresco per i visitatori a Milano, pur considerando la ricostruzione finale del padiglione degli Emirati, dove vi è la necessità di fornire riparo dal sole intenso. Il design riflette le nostre indagini sulle antiche città del Paese e il nostro apprezzamento per il paesaggio desertico”.

Guarda il video di presentazione del padiglione degli Emirati Arabi Uniti a Expo 2015

Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti a Expo 2015 presentapareti di sabbia increspata dal vento alte 12 metri e un ingresso delineato da uno schermo video lungo 75 metri, un vero e proprio falaj digitale, eco degli antichi canali idrici.Le pareti di sabbia continuano a dispiegarsi per tutta la lunghezza dell’area espositiva, pari a 140 metri, in una serie di onde parallele, unificando gli spazi in un linguaggio formale dinamico, studiato per evocare forme e colori delle dune di sabbia.

LEGGI TUTTO SUI PROGETTI DEI PADIGLIONI DI EXPO 2015

Per trasmettere un senso distintivo del luogo, la struttura delle pareti deriva da una scansione effettuata nel deserto e la costruzione utilizzerà materiali idonei a rappresentare le diverse sfumature di sabbia. I pannelli in Grc (Glass reinforced concrete) sono supportati da un telaio in acciaio, che può essere facilmente smontato e ricostruito.

Dall’ingresso del padiglione degli Emirati Arabi Uniti, una rampa conduce verso l’auditorium, che occupa il ‘cuore’ dell’esposizione. Lungo questo percorso, gli acquedotti di irrigazione che hanno tradizionalmente sostenuto l’agricoltura del Paese vengono introdotti in forma digitale, mentre dei dispositivi di realtà aumentata raccontano la storia degli Emirati Arabi Uniti. Passando per l’auditorium, i visitatori proseguono il percorso attraverso ulteriori esposizioni interattive e digitali, tra cui una mostra speciale che celebra Dubai come città ospitante per l’Expo 2020.


Il padiglione risponde al tema di Expo Milano “Nutrire il Pianeta” integrando una varietà di punti di ristoro attorno al tema del cibo nei moderni Emirati. Al termine della mostra i visitatori raggiungono un’oasi verde che conduce in una caffetteria al piano terra, con un ristorante al primo piano e una terrazza panoramica in cima. Il paesaggio intorno al padiglione e nelle aree pubbliche aperte è progettata per evocare il terreno e la flora degli Emirati Arabi Uniti.

Il padiglione raggiunge lo standard di certificazione Leed Platinum grazie a una combinazione di principi passivi e tecniche attive, dalla cattura dell’acqua piovana sul tetto-giardino all’integrazione di celle fotovoltaiche. L’edificio è stato progettato per essere riciclato e ricostruito negli Emirati Arabi Uniti a conclusione di Expo Milano 2015.

Scheda del progetto

Architetti:Foster + Partners – Collaborazione: Marco Visconti

Ingegneria strutturale: Foster + Partners

Ingegneria meccanica ed elettrica:Foster + PartnersManens-Tifs

Fire Engineer (collaborator locale):GAE Engineering srl

Geometra:Fraser Randall

Consulente paesaggio:WATG

Consulente lighting design:David Atkinson

Consulenteacustica:Sandy Brown Associates

Project Manager:Fraser Randall

Cliente: National Media Council

Superficie complessiva: 4.386 mq

Area espositiva: 1.175 mq

Numero di livelli: 2-3 piani

Altezza edificio: 17 m

Larghezza edificio: 140 m

Capacità edificio: 785 persone/ora

Sostenibilità: certificazione Leed Gold

LEGGI TUTTE LE NEWS SU EXPO 2015

Copyright © - Riproduzione riservata
Expo 2015, i progetti dei padiglioni | Emirati Arabi Uniti Architetto.info