Expo 2015, le aree tematiche | Padiglione Zero | Architetto.info

Expo 2015, le aree tematiche | Padiglione Zero

Progettato da Michele De Lucchi e curato da Davide Rampello, il Padiglione Zero e' una sorta di 'capitolo introduttivo' del sito di Expo 2015 Milano

wpid-25977_padiglionezeroexpo.jpg
image_pdf

Render del Padiglione Zero di Expo 2015

Curato da Davide Rampello e progettato da Michele De Lucchi, il Padiglione Zero rientra tra le cosiddette aree tematiche di Expo 2015, ovvero le strutture e gli spazi propri del sito espositivo. Il padiglione Zero è concepito come una sorta di ‘porta d’ingresso’ che introduce la visita del sito facendo una riflessione su ciò che l’uomo ha prodotto dalla sua comparsa sulla Terra fino a oggi, le trasformazioni del paesaggio naturale, la cultura e i rituali del consumo.

Come spiega lo stesso Rampello, si tratta di “un racconto che parte dalla memoria dell’umanità, passa attraverso i suoi simboli e le sue mitologie, percorre le varie fasi dell’evoluzione del suo rapporto con la Natura – dall’azione di addomesticare il mondo animale e vegetale all’invenzione degli strumenti della lavorazione e della conservazione – e arriva fino alle forti contraddizioni dell’alimentazione contemporanea”.

A livello strutturale il padiglione riproduce un pezzo della crosta terrestre sollevato dal terreno e posto in una posizione preminente. “Utilizzando la schematizzazione delle curve di livello, riproduce il suolo terrestre, con montagne, colline e una grande valle centrale”, spiega De Lucchi. “I Colli Euganei, che si trovano tra Padova e Vicenza, sono il riferimento più diretto per un sistema costruttivo semplice ed efficace di struttura conica. Le acque calde affioranti di Abano e Montegrotto Terme testimoniano la presenza di sommovimenti magmatici a piccola profondità e ci permettono di costruire un paesaggio evocativo dall’effetto molto naturale”.

Il visitatore compie all’interno del padiglione un’esperienza di viaggio al centro della Terra, “dove l’esplorazione avviene passando all’interno della crosta terreste tra le grotte che sono state ricostruite in un’atmosfera di quasi totale assenza di luce”, continua Rampello. “Le montagne della crosta terrestre sono la copertura sotto la quale si sviluppano le grotte, al centro della quale si trova la ‘valle delle civiltà’”.

Mentre i lavori per il Padiglione Zero sono in corso di ultimazione, è giunta la notizia della vittoria della struttura ai Wallpaper Design Award 2015 nella categoria “Best building site”. Di seguito, alcune foto dal cantiere.

Copyright © - Riproduzione riservata
Expo 2015, le aree tematiche | Padiglione Zero Architetto.info