Federarchitetti incalza il Governo | Architetto.info

Federarchitetti incalza il Governo

wpid-1230_federarch.jpg
image_pdf

Dopo la recente nota inerente l’opportunità di prevedere la lettera liberatoria di avvenuta liquidazione dell’onorario professionale, quale condizione a valle dell’istruttoria di approvazione dei permessi di costruzione e delle DIA, Federarchitetti segnala come “l’attività professionale sia gravata da una concentrazione di adempimenti, anche superflui, che appesantiscono sia nei tempi che nei costi le procedure di accesso all’attività libero professionale.”

In particolare, in questa sede, si fa riferimento all’obbligo da parte dei professionisti di dover procedere all’iscrizione in “Albi o Elenchi” istituiti presso le pubbliche Amministrazioni, quale adempimento propedeutico per la partecipazione alle procedure   di assegnazione di incarichi professionali.

Nella fattispecie si evidenzia l’onere improprio, da parte dei professionisti, a dover supportare l’inclusione in ciascuno elenco di ogni Ente Locale Comunale, in coincidenza di una previsione di assegnazione o meno di incarichi in un determinato arco di tempo.

La onerosità, quanto meno temporale di tale procedura, limita, inoltre, un’effettiva apertura della partecipazione dei professionisti, determinando sacche chiuse di esercizio professionale, a discapito di un ampio confronto e di un accesso equilibrato al lavoro.

In conseguenza di quanto esposto, Federarchitetti, a vantaggio di una semplificazione e di una maggior trasparenza delle procedure, pone  all’attenzione del Governo l’opportunità di promuovere la seguente misura: “le Amministrazioni Comunali nell’attivazione delle procedure finalizzate all’assegnazione degli incarichi libero professionali, faranno riferimento a soli Elenchi Provinciali attestanti la disponibilità dei soggetti proponenti all’assegnazione di incarichi professionali”.

Scarica la lettera

Copyright © - Riproduzione riservata
Federarchitetti incalza il Governo Architetto.info