Feng Shui in architettura: il metodo Ba Gua | Architetto.info

Feng Shui in architettura: il metodo Ba Gua

Il Feng Shui moderno è riconducibile al metodo denominato Ba Gua, interpretazione contemporanea della “mappa dell’energia base”

Ba Gua
Ba Gua
image_pdf

Nel 1986 a Berkeley, in California, è stata sviluppata una scuola di Feng Shui, denominata “Scuola del Ba Gua”, a opera del maestro Lin Yun. Essa si basa su un’interpretazione moderna del Ba Gua, che significa “mappa dell’energia base” (una griglia geomantica che si rifà ai principi dell’I Ching e al quadrato Lo Shu), ed essendo semplice e accessibile, è il metodo maggiormente diffuso in Occidente.

La Scuola del Ba Gua prevede metodi pratici per equilibrare le energie della casa in relazione agli aspetti della vita (fama, ricchezza, rapporti ecc.). Tale scuola considera fondamentale la porta di entrata, sia quella principale che quella di qualsiasi altra stanza (il Sud davanti – il Nord dietro).

Si procede, quindi, orientando la griglia Ba Gua con il Nord verso l’ingresso e il Sud verso il fondo della stanza. In una consulenza Feng Shui, le scelte relative al tipo di “rimedio”, nel campo del quadro di disarmonia, possono essere diverse e calibrate al tipo di incarico ricevuto. Da quelle minime operate a livello di architettura d’interni e di arredamento, evidenziate solamente da ridotti spostamenti, a quelle determinanti, come nel caso in cui progettista e consulente Feng Shui sono la stessa persona e l’oggetto riguarda l’intero incarico di progettazione.

Il Ba Gua può essere sovrapposto non solo alla pianta della casa e alle singole stanze, ma anche a una scrivania o a un mobile, sempre con il Nord dalla parte dell’osservatore. Mediante una simile lettura energetica, sarà possibile migliorare una situazione specifica della vita “attivando” la zona corrispondente.

Esempio di sovrapposizione del Ba Gua

Esempio di sovrapposizione del Ba Gua

In alcune situazioni può essere sufficiente l’introduzione di determinati dispositivi energetici (specchi Ba Gua ovvero speciali specchi rotondi circondato da una cornice ottagonale in legno con impressa la bussola del Feng Shui, piante, campanelle eoliche, ecc.) e, riguardo l’argomento, esiste una vasta letteratura.
Ad esempio, per quanto riguarda la presenza di “Frecce Segrete”, ovvero situazioni in cui vengono generati campi di irraggiamento spaziale puntati su luoghi preposti ad attività di stasi, le azioni possibili comprendono operazioni di schermatura, di deviazione o di riflessione. Anche in questo caso, qualora la fase di intervento non sia coincidente con quella più propriamente progettuale, possono essere effettuate scelte minimali, frapponendo sul percorso della Freccia Segreta alcuni schermi (paraventi, oggetti, sculture), ponendo oggetti dalla forma composita (piante) in grado di deviare/disperdere l’andamento diretto dell’energia, oppure agendo attraverso l’utilizzo di superfici specchianti.

Origini del quadro di disarmonia Rimedi
Spazi lineari (corridoi, strade, ferrovie, elettrodotti) puntati su zone a funzioni statiche Specchi, specchio Ba Gua, oggetti riflettenti

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Feng Shui in architettura: il metodo Ba Gua Architetto.info