Herzog & de Meuron nel cielo di New York: il lussuoso grattacielo 56 Leonard Street | Architetto.info

Herzog & de Meuron nel cielo di New York: il lussuoso grattacielo 56 Leonard Street

Una torre residenziale iconica progettata da Herzog & de Meuron e realizzata nel quartiere Tribeca a New York: all’esterno volumi sfalsati e balconi a sbalzo, all’interno appartamenti di lusso con viste a 360° sulla città

© Iwan Baan/Herzog & de Meuron
© Iwan Baan/Herzog & de Meuron
image_pdf

Una torre residenziale alta, snella e lussuosa con viste spettacolari sulla città rappresenta il nuovo landmark del quartiere Tribeca nel distretto sud di Manhattan a New York. Si tratta della torre 56 Leonard Street progettata e curata in ogni dettaglio dalla firma svizzera Herzog & de Meuron. Con l’intento di rompere la serialità e l’anonimato dei tipici grattacieli residenziali, la nuova architettura proietta un’immagine inedita nella vita della città: con i suoi 250 metri di altezza, si aggiunge allo skyline newyorkese e disegna 145 appartamenti esclusivi (tra cui 10 attici ancora più personalizzati) sovrapposti l’uno sull’altro a creare una composizione casuale di volumi vetrati e balconi a sbalzo, sempre più sfalsati via via che si raggiunge la cima; non è un caso infatti che l’edificio sia informalmente conosciuto come “jenga tower”.

Vista panoramica di Downtown Manhattan; nello skyline la nuova torre 56 Leonard Street © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

Vista panoramica di Downtown Manhattan; nello skyline la nuova torre 56 Leonard Street © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

Nonostante il difficile iter costruttivo che il progetto ha subito a partire dal 2007, lo stesso non si può dire per l’iter finanziario; il lotto 56 Leonard Street, precedentemente di proprietà dell’adiacente New York Low School, è stato infatti acquistato dal developer Izak Senbahar (Alexico Group) attraverso una particolare operazione economica che ha permesso di trasferire i “diritti aerei” non sfruttati dalla scuola nell’edificazione della torre residenziale, alta così 20 piani in più rispetto a quanto consentito nel quartiere Tribeca, contraddistinto da edifici per lo più di altezza limitata. Ad oggi la maggior parte degli appartamenti è stata venduta raggiungendo la cifra record di 47 milioni di dollari per l’attico al 60° piano. Del resto gli appartamenti sono davvero esclusivi: nessuno dei sessanta livelli è uguale all’altro e ogni inquilino avrà la sensazione di vivere in una residenza unifamiliare sospesa sulla città, dal momento che ogni unità è fuori dal campo visivo delle altre.

La torre presenta una composizione di volume vetrati e balconi a sbalzo, sempre più sfalsati via via che si raggiunge la cima © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

La torre presenta una composizione di volume vetrati e balconi a sbalzo, sempre più sfalsati via via che si raggiunge la cima © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

L’idea alla base del concept di Herzog & de Meuron non era comunque quella della verticalità estrema quanto piuttosto quella di promuovere la progettazione di una torre residenziale dall’interno verso l’esterno, partendo dalle singole stanze come se fossero pixel da raggruppare e aprendo al massimo la vista della città attraverso pareti vetrate a tutta altezza racchiuse tra lastre di cemento che in alcuni punti si estendono fino a formare i balconi. La massima espressività si raggiunge negli ultimi piani, ove il movimento dovuto alla particolare configurazione interna dei penthouse ha dato origine ad esposizioni a 360° e motivi scultorei. Al contrario la base della torre rispetta il carattere del quartiere ed è arricchita da un pezzo d’arte pubblica sotto forma di scultura a specchio realizzata dall’artista Anish Kapoor.

Nonostante le grandi superfici vetrate e i numerosi balconi aggettanti, ciascun appartamento mantiene la propria privacy © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

Nonostante le grandi superfici vetrate e i numerosi balconi aggettanti, ciascun appartamento mantiene la propria privacy © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

Anche gli interni portano la firma di Herzog & de Meuron con scelte cromatiche mirate e arredi custom made disegnati in esclusiva dal duo svizzero. Se negli appartamenti (le cui superfici variano circa tra i 90 e i 560 mq) predominano i toni del bianco, nelle aree comuni, nella lobby e nei corridoi sono predominanti superfici grigie o nere. Anche gli spazi relax a disposizione dei residenti, collocati tra il nono e il decimo piano, denotano ambienti rigorosi e di lusso tra cui una piscina aperta sul solarium esterno, un fitness center, una biblioteca con sale lettura, un teatro, un centro conferenze e sale da pranzo private.

I lussuosi attici sospesi sulla città godono di viste spettacolari di New York © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

I lussuosi attici sospesi sulla città godono di viste spettacolari di New York © Iwan Baan/Herzog & de Meuron

Scheda del progetto
Architetti: Herzog & de Meuron – Jacques Herzog, Pierre de Meuron, Ascan Mergenthaler (partner in charge)
Project Team: Philip Schmerbeck (associate, project director), Mehmet Noyan (associate, project manager), Vladimir Pajkic (associate), Caroline Alsup, Mark Chan, Simon Filler, Dara Huang, Sara Jacinto, Jin Tack Lim, Mark Loughnan, Jaroslav Mach, Donald Mak (associate), Hugo Miguel Moura, Jeremy Purcell, Chantal Reichenbach, James Richards, Heeri Song, Charles Stone, Kai Strehlke, Zachary Martin Vourlas, Jason Whiteley, Sung Goo Yang, Daniela Zimmer, Christian Zöllner, Iwona Boguslawska, Martin Raub, Josh Helin, Joem Elias Sanez
Executive Architect: Goldstein, Hill & West Architects, NY
Mechanical Engineering: Cosentini Associates, NY
Structural Engineering: WSP Cantur Seinuk, NY
Construction manager: Lend Lease, New York
Location: 56 Leonard St, Tribeca, New York
Timing: 2006-2017
Client: Izak Senbahar, 56 Leonard LLC, c/o Alexico Group LLC, New York, USA
Height: 253 m
Size: ≅ 45.500 mq

Leggi anche: Shigeru Ban realizzerà il suo primo edificio a Londra

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Herzog & de Meuron nel cielo di New York: il lussuoso grattacielo 56 Leonard Street Architetto.info