Hotel Excelsior Gallia a Milano: focus su ristrutturazione e soluzioni adottate | Architetto.info

Hotel Excelsior Gallia a Milano: focus su ristrutturazione e soluzioni adottate

La ristrutturazione dello storico hotel milanese, l’Excelsior Gallia, ha richiesto un imponente intervento di riqualificazione e di ampliamento. Vediamo i dettagli del progetto firmato da Studio Marco Piva e le soluzioni Mapei adottate

Foto courtesy Hotel Excelsior Gallia, Milano
Foto courtesy Hotel Excelsior Gallia, Milano
image_pdf

In un anno di grande fermento per la città di Milano, il 2015, è stato  inaugurato il nuovo Excelsior Hotel Gallia, chiuso da ormai due anni. Di proprietà di Starwood Hotels & Resorts Worldwide, fondo di investimenti internazionali del Qatar, la struttura alberghiera fa parte di un investimento multimilionario del Gruppo dedicato alla riqualificazione di alcuni alberghi storici del marchio The Luxury Collection. La riqualificazione di questo storico albergo milanese si è basata su un gioco di contrasti voluti da progettisti e committente. All’originale palazzo storico, infatti, è stata aggiunta una nuova ala moderna con una grande facciata in acciaio e vetro, in grado di integrarsi perfettamente nell’ambiente urbano circostante.

Un hotel storico

Situato a fianco della Stazione Centrale di Milano, del quale è “coetaneo”, l’Excelsior Hotel Gallia è sempre stato uno degli hotel più prestigiosi d’Italia fin dall’inaugurazione ufficiale, avvenuta nel febbraio del 1932. Realizzato in stile Belle Époque, l’edificio fu progettato da Giuseppe Laveni e Aldo Avati, quando, al posto di piazza Duca D’Aosta, vi erano solamente campagna e la periferia di Milano. Il Touring Club Italiano, in occasione dell’inaugurazione, ne parlò in maniera entusiasta: “L’albergo, favorito da così tante e così rapide comunicazioni, situato in un punto così vantaggioso per la tranquillità e per la partecipazione degli ospiti alla vita cittadina, riesce comodo al viaggiatore di transito, e non meno che al signore che vi voglia fare un lungo soggiorno”. La ristrutturazione e l’ampliamento dello storico edificio si sono inseriti in un più ampio processo di riqualificazione urbana di piazza Duca D’Aosta, dopo la conclusione dei lavori di ammodernamento della Stazione Centrale in previsione anche dell’avvio di Expo 2015.

Riqualificazione in due fasi: ristrutturazione e ampliamento

Gli interventi effettuati hanno interessato il corpo risalente agli anni ‘30, la sua estensione dei primi anni ‘60 e i tre edifici adiacenti. Dopo una selezione internazionale, il progetto di architettura è stato affidato allo Studio Marco Piva che ha elaborato anche il progetto di interior design. L’intervento di rinnovo e ampliamento del Gallia ha previsto due fasi: nella prima sono stati effettuati la ristrutturazione il recupero funzionale dell’edificio storico; nella seconda la costruzione del nuovo edificio. Nel primo caso gli elementi decorativi e le facciate storiche che caratterizzano l’edificio originale sono stati completamente restaurati, così come sono stati recuperati i padiglioni in acciaio posti in copertura negli anni ‘90 e che, nella nuova vita del Gallia, ora accolgono un ristorante, uno spazio per eventi e una Royal suite dotata di spa privata.

Sono stati sostituiti tutti gli infissi in legno con altri sempre in legno e alluminio color bronzo, così da assicurare lo stesso cromatismo esistente, ma con migliori prestazioni termiche, acustiche e di manutenzione. La seconda fase ha interessato il nuovo edificio, nato dalla demolizione di altri tre edifici, ormai fatiscenti, inseriti nel lotto di forma trapezoidale compreso tra via Filzi e via Galvani e le piazze Duca D’Aosta e IV Novembre. Questa struttura è collegata a tutti i piani dell’edificio storico e ospita un centro meeting, 12 sale riunioni per 1.000 m2 complessivi e mostre al piano terra, una grande spa al 6° e 7° piano con piscina, palestra, saune, centro benessere e, sempre al 7° piano, un bar con terrazza panoramica. Sempre su via Filzi è stato realizzato un secondo accesso all’hotel, con un grande foyer (700 m2) coperto da un tetto vetrato, posizionato tra il mezzanino e il primo piano.

Per quanto riguarda l’intervento di interior design, grande attenzione è stata posta dai progettisti nella scelta dei materiali e delle finiture per conciliare il gusto estetico contemporaneo con lo stile originale Belle Époque. Nel rispetto delle norme relative all’inquinamento luminoso, particolare attenzione è stata posta allo studio illuminotecnico delle facciate, per sottolineare i dettagli decorativi e allegorici tipici dell’edificio storico e la magnifica facciata in vetro del nuovo edificio grazie a lampade non visibili esternamente.  All’interno, un gigantesco lampadario di 30 m di altezza, realizzato in vetro di Murano accoglie gli ospiti con una cascata di 180 cilindri di luce in grado di illuminare la scalinata storica di sette piani.

Le 235 camere e le 53 suite

L’Excelsior Hotel Gallia ha 235 camere, e tra queste 53 suite. Tra di esse si distinguono la Katara Suite e la Gallia Suite. La prima, situata al 7° piano, ha una superficie di 1.000 m2 e offre al cliente quattro camere, una spa privata e due terrazze, mentre la seconda, situata al 5° piano, è concepita come una sofisticata dimora privata con finiture in marmo di Carrara, legno laccato e pelle e ha una grande loggia con colonne e statue. Le altre 51 suite si suddividono in cinque tipologie: Excecutive, Signature, Art, Atelier e Design. Tra queste ultime si distinguono quelle dedicate a cinque personalità milanesi nel campo del design e dell’architettura – Vico Magistretti, Achille Castiglioni, Giò Ponti, Luigi Caccia Dominioni e Franco Albini – e arredate con alcuni pezzi firmati da loro. Le Atelier Suite sono invece dedicate a scrittori ospiti di Milano come Stendhal, Byron, Hemingway, Montale, Manzoni, Quasimodo.

L’intervento di Mapei: soluzioni e metodo

Nel rifacimento di camere e suite, su richiesta di progettista e committenza, si è cercato di coniugare il sofisticato interior design dell’hotel a cinque stelle lusso con prodotti e materiali all’avanguardia, assicurando velocità e rispetto della tempistica. Per queste ragioni l’impresa di posa ha contattato l’Assistenza Tecnica Mapei che, oltre ai consueti sopralluoghi in cantiere, ha coadiuvato l’impresa incaricata consigliando una serie di prodotti per la posa del materiale lapideo.

Negli oltre 200 bagni nei quali sono stati utilizzati prodotti Mapei, è stato posato Marmo Botticino in finitura lucida e con spessore di 2 cm. Su progetto dello Studio Marco Piva, i pavimenti e i rivestimenti a casellario – creati appositamente per lo spazio dove devono essere posati con un formato studiato ad  hoc dal progettista – sono stati incollati con KERAFLEX MAXI S1, adesivo cementizio ad alte prestazioni a scivolamento verticale nullo, con tecnologia Low Dust.

Per la stuccatura delle fughe delle lastre in marmo è stato consigliato l’utilizzo di ULTRACOLOR PLUS, malta ad alte prestazioni modificata con polimero, antiefflorescenze, a presa e asciugamento rapido, idrorepellente con tecnologia DropEffect® e resistente alla muffa grazie alla tecnologia BioBlock®. Per la sigillatura dei giunti è stato utilizzato il sigillante siliconico MAPESIL LM.

Con gli stessi prodotti sono stati posati anche i piatti doccia in marmo massello (spessore 3 cm) e le lastre in Marmo Botticino incollate su vasche e panche realizzate con struttura wedi (pannelli da costruzione adatti per ambienti umidi). Il Marmo Botticino è stato utilizzato anche come rivestimento per i corridoi e la zona sbarchi degli ascensori (superficie complessiva di circa 500 m2), posato con KERAFLEX MAXI S1 e ULTRACOLOR PLUS.

Mapei e l’edilizia turistico-ricettiva: dall’arte di ospitare alle giuste soluzioni per ogni tipo di intervento

Affascinati dalla storia, dalla cultura e da i paesaggi naturali, che fanno dell’Italia un paese ricco di charme e suggestione, i visitatori affollano le città d’arte, le località balneari e turistiche in cerca di esperienze indimenticabili e all’altezza delle loro aspettative. Chi viaggia, per piacere o per lavoro, vuole godersi il proprio soggiorno al massimo.

Rendere l’esperienza del proprio ospite indimenticabile è la sfida più grande di ogni albergatore. Saper conciliare la disponibilità e cortesia del personale, l’accoglienza della struttura ricettiva e l’offerta di commodities è un’arte. L’arte di ospitare, appunto.

È fondamentale investire nella riqualificazione della struttura alberghiera per offrire ai clienti, sempre più attenti ed esigenti, maggiori comfort e per creare un hotel competitivo sul mercato. Forte di un’esperienza maturata nel settore dell’hôtellerie, testimoniata da progetti nazionali ed internazionali, Mapei è in grado di fornire sistemi e soluzioni per le specifiche e variegate esigenze degli albergatori e degli ospiti. In particolare, Mapei mette a disposizione soluzioni per: 

  • Impermeabilizzazioni di terrazze, balconi e piscine

Gli impermeabilizzanti Mapei sono studiati per la protezione di balconi e terrazze, in sovrapposizione al rivestimento o alla pavimentazione esistente, e il ripristino di sistemi di impermeabilizzazione di piscine non più idonei alla funzione.

  • Isolamento termico e finiture

Per garantire un efficace isolamento termico della struttura, con conseguente contenimento dei costi dell’energia e una minore dispersione termica, Mapei propone soluzioni adatte al recupero di facciate degradate con i sistemi di isolamento a cappotto frutto della più recente ricerca Mapei nel campo del comfort abitativo. Per modernizzare gli spazi e dare carattere all’ambiente esistono finiture per interni ed esterni che arredano e proteggono le superfici. Disponibili in diverse tonalità e colori, le finiture Mapei sono studiate per durare nel tempo e aderire su tutti i tipi di supporto.

  • Riqualificazione di facciate, spazi interni e esterni

L’appeal di un hotel è dato dalla sua architettura, soprattutto quando è un edificio d’epoca. Dare risalto alle sue caratteristiche, alla sua autenticità ripristinando le facciate, richiede interventi di risanamento e rinforzo. La gamma di sistemi e soluzioni Mapei permette il ripristino della muratura, del calcestruzzo valorizzando nuovamente il fascino e l’originalità dell’architettura, nella rasatura delle superfici in calcestruzzo e intonaci e nel rinforzo strutturale con malte cementizie.

  • Pavimentazioni e isolamento acustico

Al fine di rinnovare l’immagine dell’hotel, e aumentarne così qualità e pregio, Mapei propone soluzioni per la posa in tempi rapidi di pavimenti in legno, ceramica o moquette. Nel rispetto della salute degli ospiti, degli operatori turistici e degli applicatori, Mapei offre adesivi esenti da solventi, a bassissima emissione di sostanze organiche volatili e a bassissima formazione di polvere in fase di miscelazione. Il comfort di un hotel passa anche dalla sua insonorizzazione contro le fonti di disturbo acustico. Negli interventi di risanamento acustico dei pavimenti Mapei propone sistemi isolanti in teli, pannelli o rotoli applicabili sulle pavimentazioni esistenti. I sistemi di isolamento acustico da calpestio Mapei sono certificati secondo le normative in materia di “classificazione acustica delle unità immobiliari”.

  • Bagni e aree wellness

Nella riqualificazione delle SPA e terme, cosi come nella ristrutturazione dei bagni, Mapei interviene con soluzioni e sistemi per la posa e stuccatura di piastrelle ceramiche e mosaici, impermeabilizzanti e finiture adatti ad ambienti soggetti ad elevato vapore acqueo. L’offerta di sistemi per il ripristino in tempi rapidi di pavimenti e rivestimenti in ceramica, inoltre, permette alle attività di non dover chiudere, evitando in questo modo disagi agli ospiti dell’hotel.

  • Food & beverage

Famosi in tutto il mondo per la nostra tradizione culinaria, gli ospiti dell’albergo si aspettano un servizio all’altezza della fama che ci precede. Per offrire un servizio di qualità è necessario quindi garantire il massimo rispetto degli standard di igiene, pulizia e salubrità. Per questi ambienti Mapei dispone di soluzioni certificate a livello internazionale dai più importanti istituti accreditati, in grado di assicurare l’igienicità degli ambienti e degli alimenti.

  • Hall e parcheggi interrati

La prima impressione che l’ospite ha dell’hotel è legata all’aspetto della hall e al servizio di valet parking o parco auto offerto. L’estetica della sala è forse il biglietto da visita più importante per l’hotel e quindi deve essere curata fin nei minimi particolari. Per questo Mapei dispone di soluzioni che permettono la realizzazione di pareti e pavimenti a cinque stelle. La comodità di avere un posto macchina in un parcheggio interrato è un servizio molto richiesto dagli ospiti. Soprattutto in località affollate dove è difficile parcheggiare e dove è piacevole spostarsi a piedi. Per i parcheggi sotterranei Mapei propone prodotti per pavimentazioni in resina e cementizie e sistemi in grado di resistere a grossi carichi e movimentazioni.

Per maggiori informazioni sulle soluzioni Mapei, consulta il sito.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Hotel Excelsior Gallia a Milano: focus su ristrutturazione e soluzioni adottate Architetto.info