Il MAAT Museum di Amanda Levete Architects a Lisbona | Architetto.info

Il MAAT Museum di Amanda Levete Architects a Lisbona

Il MAAT Museum Kunsthalle, realizzato a Lisbona da Amanda Levete Architects e Aires Mateus Associados, è una struttura elegante e contemporanea che disegna una spazialità fluida

© Paulo Coelho/Courtesy EDP Foundation
© Paulo Coelho/Courtesy EDP Foundation
image_pdf

Completamente integrato nel waterfront di Lisbona, un nuovo museo dalla forma ondulata e dallo sviluppo orizzontale è stato realizzato dallo studio londinese Amanda Levete Architects (AL_A), in collaborazione con gli architetti portoghesi Aires Mateus e Associados. Commissionato dalla Fondazione EDP, uno dei maggiori investitori culturali del Portogallo, questo edificio, situato sulle rive del fiume Tago nel quartiere di Belem, rappresenta la nuova sede del MAAT Museum, il Museo di Arte, Architettura e Tecnologia che include anche l’adiacente ex centrale elettrica di Tejo, recentemente rinnovata e riconvertita. Denominata Kunsthalle, la nuova struttura elegante e contemporanea, vuole spingersi oltre i confini stessi del museo creando grandi spazi pubblici che convogliano il flusso di visitatori e un innovativo programma espositivo. Inaugurato il 5 ottobre 2016, l’edificio è aperto al pubblico solo parzialmente poiché ulteriori gallerie, insieme a negozi e ristornati, saranno utilizzabili solo in una seconda fase prevista per marzo 2017. Completeranno l’opera, un parco progettato da Vladimir Djurovic Landscape Architecture e un ponte pedonale, che oltrepassando la ferrovia, collegherà il MAAT alla città.

MAAT_1 ©Francisco Nogueira

Il nuovo edificio del MAAT Museum disegna una spazialità fluida perfettamente integrata nel paesaggio del waterfront di Lisbona © Francisco Nogueira

In un progetto in cui lo spazio pubblico è importante quanto le gallerie espositive, gli architetti hanno creato una dimensione fluida che consente alle persone di camminare sopra, sotto e attraverso l’edificio senza perdere mai il contatto con il contesto, il lungomare e la città. La piazza esterna rappresenta un’unica grande distesa che si sviluppa fino alla copertura, ampia circa 8.000 mq e concepita come sala all’aperto del museo; di giorno luogo di incontro con vista panoramica, di sera cinema romantico con vista su Lisbona. La facciata d’ingresso, segnata da uno sbalzo che disegna la forma di un arco ribassato, è preceduta da una serie di lunghi gradoni che in caso di alta marea potranno rimanere sommersi.

Altri progetti di Amanda Levete
Architettura per la fede islamica: come sarà la moschea di Abu Dhabi
Le Galeries Lafayette ripensate da Bjarke Ingels e Amanda Levete

Gli interni, pensati come diretta estensione dello spazio pubblico, ospitano ambienti pluridisciplinari per mostre ed eventi legati ad esperienze mutevoli dell’arte contemporanea, dell’architettura e della tecnologia. Al centro della Kunsthalle è la Galleria Ovale, lo spazio già inaugurato in occasione dell’apertura del MAAT con l’installazione interattiva dell’artista francese Dominique Gonzales-Foerster dal titolo Utopia/Dystopia. Un’opera che vuole evocare un Pynchon Park attraverso sculture, suoni, luci e performance (tratto da una favola, rappresenta un recinto in cui gli alieni sono in grado di osservare il comportamento umano). Accanto alla Oval Gallery ampia 1.200 mq, cui sia accede percorrendo una rampa circolare, vi saranno la Main Galley e due spazi più piccoli per proiezioni e progetti (Video Room e Project Room).

Se da una parte il MAAT Central Tejo (ex centrale elettrica) conquista i visitatori con il suo fascino industriale, esattamente come accade a Londra per la suggestiva Centrale di Battersea affacciata sul Tamigi, dall’altra parte il MAAT Kunsthalle segue la ricca tradizione del Portogallo nella produzione ceramica. Quasi 15.000 piastrelle bianche smaltate rivestono infatti le facciate creando superfici che catturano la luce, riflettono l’acqua e giocano con le ombre.

MAAT_2 ©Francisco Nogueira

La struttura presenta un rivestimento ceramico realizzato mediante quasi 15.000 piastrelle bianche smaltate che riflettono i colori del cielo e dell’acqua © Francisco Nogueira

Scheda del progetto
Principal Architect: Amanda Levete Architects AL_A
Local Architect: Aires Mateus e Associados
Ingegneria strutturale e civile: Afaconsult
Landscape: Vladimir Djurovic Landscape Architecture
Project management: Technoplana
Main contractor: Alves Ribeiro
Committente: Fondazione EDP
Programma funzionale: Oval Gallery, Main Gallery, Project Room, Video Room, Educational centre, caffetteria, uffici, deposito
Dimensioni dell’edificio Kunsthalle: lunghezza max 190 m; larghezza max 60 m; altezza max 12,40 m
Superficie dell’edificio Kunsthalle: 7.400 mq
Sviluppo della copertura: 8.100 mq
Aree pubbliche: 9.430 mq

Leggi anche: Il nuovo edificio del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il MAAT Museum di Amanda Levete Architects a Lisbona Architetto.info