Il nuovo Louvre di Abu Dhabi firmato da Jean Nouvel | Architetto.info

Il nuovo Louvre di Abu Dhabi firmato da Jean Nouvel

Primo museo “universale” del Medio Oriente, il nuovo Louvre di Abu Dhabi è coperto da una cupola traforata di alluminio di 180 metri di diametro fluttuante a 30 m di altezza. Dopo 11 anni è completa un’operazione di brandizzazione non priva di ombre

© Mohamed Somji
© Mohamed Somji
image_pdf

La nuova, e attesissima, sede del Louvre di Abu Dhabi è stata finalmente completata secondo il progetto firmato dall’architetto francese Jean Nouvel. È la prima apertura al di fuori del territorio francese del museo più importante e conosciuto al mondo, arrivata al termine di un processo lungo undici anni partito nel 2006 con il conferimento dell’incarico all’architetto francese da parte del Tourism Development & Investment Company.

Il Louvre di Abu Dhabi si aggiunge alla prima, e per ora unica, succursale a Lens che, firmata da SANAA, dal 2012 accoglie una parte della collezione parigina, e la vittoria del concorso che nel 2015 ha affidato a Rogers Stirk Harbour la progettazione del nuovo polo con archivio e annesso centro ricerca a Lievin, non lontano da Lens. Realizza il primo museo “universale” di tutto il Medio Oriente, perseguendo l’ambizioso obiettivo di rinnovare lo stesso concetto di museo onnicomprensivo, che include nelle sue collezioni tutte le epoche dell’arte.

Da una parte conferma per la città araba una strategia di costruzione del futuro che, non priva di ombre, punta sulla costruzione del distretto culturale di Saadiyat, dove sorgeranno anche un nuovo Guggenheim progettato da Frank O. Gehry e lo Zayed National Museum di Norman Foster, accomunandola al progetto avviato dalla vicina Doha, che sta affidando la realizzazione dell’ambiziosa (e costosa) “2030 Qatar National Vision” a progetti museali firmati da Elemental, Ieoh M.Pei e dallo stesso Jean Nouvel, autore del National Museum of Qatar attualmente in costruzione.

Dall’altra prende forma concreta la temuta e criticata brandizzazione del museo del Louvre, accusato da più parti di avere di fatto avviato la svendita di un patrimonio inestimabile, che va da Jackson Pollock a Henri Matisse, da Vincent van Gogh a Leonardo da Vinci: la realizzazione del museo è stata infatti resa possibile dalla stipula di un accordo di cessione del marchio per 30 anni e prestito di opere d’arte provenienti da diversi musei francesi per 15 anni in cambio di un’ingente contropartita in denaro che ha anche portato la diffusione di una petizione nel mondo dell’arte.

La nuova sede del Louvre ad Abu Dhabi, costata 600 milioni di euro e progettata grazie al supporto del local architect Hala Wardé, nasce in riva al mare sull’isolotto artificiale di Saadiyat e realizza una superficie complessiva di 97.000 mq distribuiti all’interno di un complesso caratterizzato da una forte orizzontalità e un’impostazione particolarmente urbana in cui trovano posto spazi per la collezione permanente e per le mostre temporanee, il museo per i bambini e un auditorium, bar e caffetteria e locali per l’amministrazione e lo stoccaggio delle opere d’arte. È composto dall’unione di 55 piccoli edifici di dimensioni e altezze differenti che realizzano gallerie espositive e spazi di relazione, alcuni dei quali dotati di specchi d’acqua, finiti con materiali che spaziano dal bronzo al marmi e luci e arredi disegnati dallo stesso Nouvel.

La parte più spettacolare del complesso è la cupola traforata che lo ricopre, le cui fattezze riportano alla memoria il raffinato curtain wall disegnato da Nouvel sull’involucro dell’Institut du Monde Arabe di Parigi. Ingegnerizzata e calcolata da Buro Happold, a cui è stata anche affidata la definizione della struttura del complesso e di tutti gli aspetti energetici e gestionali, è impostata su un cerchio di 180 m di diametro, è costituita da una doppia cupola di alluminio traforata che sembra sospesa a un’altezza di 30 m al di sopra dell’intorno e del mare. I due livelli sono sostenuti da una complessa struttura reticolare spaziale e hanno una trama definita dalla sovrapposizione di otto disegni distinti, quattro per ciascuno, che sviluppano 7.850 stelle di dimensioni differenti le cui trame, ispirate alle geometrie orientali, creano aperture che proteggono dall’irraggiamento diretto e contribuiscono a mantenere freschi gli ambienti sottostanti.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il nuovo Louvre di Abu Dhabi firmato da Jean Nouvel Architetto.info