Il nuovo museo di Oslo e' "immerso" nei fiordi | Architetto.info

Il nuovo museo di Oslo e’ “immerso” nei fiordi

wpid-12397_aa.jpg
image_pdf

Astrup Fearnley Museet, il museo d’arte contemporanea di Oslo, ha aperto i battenti il 29 settembre a Tjuvholmen, il nuovo quartiere artistico della città. Situata in Dronningensgtate 4 per diciotto anni, la galleria ha chiuso il 31 dicembre 2011 per “rinascere” all’interno del nuovo Icon Complex, sviluppato da Selvaag Gruppen e Aspelin Ramm-Gruppen, e progettato da Renzo Piano Building Workshop, in collaborazione con architetti Narud Stokke Wiig.

Icon Complex, parte del più ampio sviluppo di Tjuvholmen, comprende un museo d’arte, un edificio per uffici e un centro per la cultura, tutti costruiti su terreni bonificati. I tre edifici sono coperti da un tetto a doppia curvatura – design ispirato alla ruota di bicicletta – che si estende fino a toccare il paesaggio. Il tetto è costituito da oltre 2.000 pannelli di vetro che permettono alla luce naturale di illuminare gli spazi espositivi.

Il museo è situato in una splendida posizione, dove la città si estende nel fiordo, e l’esposizione ha inizio all’esterno: il parco è un gioco di canali, ponti e prati in cui sono esposte le sculture della collezione Selvaag. Una volta all’interno, i visitatori si trovano in un grande spazio a doppia altezza, in cui la luce naturale filtra da un tetto di vetro.

Il museo presenta poi una sequenza di spazi artistici più piccoli posti su più livelli e collegati da un ponte, che offre una visuale sul parco e sulla piazza, mettendo in comunicazione l’interno con l’esterno.

Il design del tetto di vetro identifica fortemente il progetto. La sua forma curva attraversa il canale passando tra gli edifici. Le colonne in acciaio sottili sembrano invece ripetere la sequenza di alberi delle barche a vela ormeggiate in porto. Il rivestimento in legno, con il suo morbido colore grigio-argento, dovuto all’esposizione alle intemperie, mette in evidenza la forma dinamica del tetto in vetro.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il nuovo museo di Oslo e’ “immerso” nei fiordi Architetto.info