Il Vendsyssel Theatre di SHL Architects in Danimarca | Architetto.info

Il Vendsyssel Theatre di SHL Architects in Danimarca

Geometrico e materico, ma allo stesso tempo dinamico e pragmatico, il Vendsyssel Theatre realizzato da SHL Architects a Hjørring (Danimarca) è un’architettura democratica dal profondo valore culturale

Il Vendsyssel Theatre appare come una composizione pura e geometrica di volumi cubici © Adam Mørk
Il Vendsyssel Theatre appare come una composizione pura e geometrica di volumi cubici © Adam Mørk
image_pdf

Progettato dallo studio danese Schmidt Hammer Lassen Architects, il Vendsyssel Theatre è il nuovo complesso culturale che si eleva nel paesaggio urbano di Hjørring (Danimarca) come un organismo dinamico, materico e multifunzionale. In particolare l’edificio si distingue per l’approccio progettuale pragmatico e democratico perseguito da SHL Architects con l’intento di dimostrare che la cultura è un’opportunità e un’esperienza per tutti. Da una parte il complesso teatrale si mostra nella sua composizione volumetrica attraverso scatole in acciaio Corten che si integrano nel paesaggio circostante, dall’altra appare invece come un’architettura aperta sempre in movimento, grazie ad un layout che privilegia le connessioni visive e spaziali tra i diversi ambienti, rompendo il confine tra attori e spettatori. Qualificato soprattutto nella progettazione di biblioteche ed altri edifici pubblico-culturali, tra cui ricordiamo la biblioteca Dokk1 ad Aarhus e il Malmo Live in Svezia, lo studio SHL aggiunge oggi al suo ampio portfolio il progetto del Vendsyssel Theatre, riconosciuto come il primo teatro di nuova costruzione realizzato in Danimarca a distanza di un secolo fuori dai confini di Copenaghen, capitale danese.

Il complesso teatrale progettato da SHL è un’architettura dinamica e materica che si fonde con il contesto della città di Hjørring, in Danimarca © Adam Mørk

Il complesso teatrale progettato da SHL è un’architettura dinamica e materica che si fonde con il contesto della città di Hjørring, in Danimarca © Adam Mørk

Ampio 4.200 mq, il complesso culturale ospita quattro sale da musica differenti collegate tra loro da una grande hall vetrata. Il teatro principale da 430 posti si configura come una grande sala flessibile con un’estremità ricurva per poter disporre le sedute anche a semicerchio, mentre la Music Hall da 190 posti, il teatro denominato Black Box e la sala prove sono dislocati all’interno di volumi scatolari. Se la Music Hall presenta interni leggeri e luminosi, con pareti rivestite da blocchi in legno di colore chiaro, lo stesso non si può dire delle altre sale, cupe e completamente nere.

Il foyer a pianta aperta, inondato di luce naturale grazie alle ampie vetrate e al lungo lucernario, è concepito come un fluido open space, diretta estensione della piazza antistante anch’essa progettata per accogliere diversi tipi di eventi e attività. Un corner ristorante-caffetteria insieme ad un’area backstage con spogliatoi e laboratori completa il piano terra; al piano superiore, ove sono collocati gli uffici amministrativi, una passerella vetrata circonda la parete curva della sala principale e si affaccia proprio sul foyer. Artisti e visitatori transitano indistintamente in uno spazio in cui si è persa la distinzione tra le aree accessibili al pubblico e le tradizionali funzioni teatrali, a favore di un’architettura dal profondo valore culturale.

Di giorno il sole diffonde i toni caldi delle facciate in acciaio Corten, di sera prevalgono le superfici colorate in vetro satinato retroilluminato con un sistema a Led © Adam Mørk

Di giorno il sole diffonde i toni caldi delle facciate in acciaio Corten, di sera prevalgono le superfici colorate in vetro satinato retroilluminato con un sistema a Led © Adam Mørk

All’esterno il Vendsyssel Theatre è scolpito da una serie di volumi cubici con facciate in acciaio Corten color ruggine che evocano l’architettura in mattoni di Hjørring e rafforzano il legame dell’edificio con il paesaggio urbano. Superfici colorate in vetro satinato retroilluminato a Led rompono la composizione, altrimenti uniforme, delle facciate in Corten per trasformare il complesso culturale in un organismo vivace anche di notte. Animato dalla visualizzazione di colori differenti a seconda del punto di osservazione, l’architettura unisce la città alla piazza e la piazza al teatro. I temi che hanno guidato SHL nella progettazione di questa nuova struttura si possono riassumere in cinque punti: legame con la città, trasparenza, funzionalità, flessibilità e matericità.

Leggi anche: Il più grande impianto waste-to-energy al mondo sarà costruito in Cina da SHL Architects

Scheda del progetto
Architetti progettisti: Schmidt Hammer Lassen Architects (SHL)
Architetti locali: Arkitektfirmaet Finn Østergaard A/S (AFOE)
Dimensioni: 4.200 mq
Costo di costruzione: 24 milioni di euro (+iva)
Cronologia: 2013 – primo premio in un concorso; gennaio 2017 – apertura al pubblico
Cliente: Comune di Hjørring e Realdania
Landscape Architect: LIW Planning Aps
Ingegneria: Brix & Kamp A/S e Alectia A/S

Leggi anche: Un teatro in periferia: il Modiin Theatre in Israele di Knafo Klimor

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il Vendsyssel Theatre di SHL Architects in Danimarca Architetto.info