Il Walkie Talkie di Rafael Viñoly è l'edificio più brutto del 2015 | Architetto.info

Il Walkie Talkie di Rafael Viñoly è l’edificio più brutto del 2015

Il controverso grattacielo simile a un walkie talkie, progettato dall’architetto uruguaiano Rafael Viñoly, ha vinto la Carbuncle Cup 2015, che decreta l’edificio più brutto del Regno Unito

principale
image_pdf

La Walkie Talkie Tower di Londra di Rafael Viñoly, al secolo 20 Fenchurch Street, si è aggiudicato la (poco) prestigiosa Carbuncle Cup 2015.
La vittoria arriva dopo un testa a testa che l’ha vista imporsi su altre cinque architetture non propriamente riuscite realizzate sul suolo britannico: tre edifici al servizio di altrettante università, il Southampton City Gateway, studentato dell’Università omonima soprannominato dispregiativamente “fag butt” (mozzicone di sigaretta), la Woodward Hall che ospita gli studenti dell’Imperial College di Londra di Careyjones Chapmantolcher e il goffamente gotico Whittle building dell’Università di Cambridge di John Simpson Architects, l’ampliamento della sede londinese di Forest Road del Ymca di Robert Kilgour Architects e la Parliament House di Lambeth, sempre a Londra, di Keith Williams Architects.

Lanciato nel 2006 dalla rivista britannica Building Design, il “wooden spoon” (cucchiaio di legno) ogni anno riconosce il peggiore edificio realizzato nel Regno Unito nei 12 mesi precedenti il conferimento. La selezione avviene da parte di una giuria di esperti della rivista (tra cui, quest’anno Thomas Lane, Gillian Darley, Eleanor Jolliffe e Ike Ijeh) all’interno di una shortlist votata e commentata dai lettori. Nonostante la sua non istituzionalità, la totale mancanza di scientificità e i confini geograficamente limitati, la Carbuncle Cup ha ottenuto una certa visibilità, anche internazionale, nel corso degli anni, per le polemiche che spesso ha suscitato e il percorso di selezione e proclamazione volutamente parallelo a quello dello Stirling Prize, nei confronti del quale si propone come alternativa semi-seria.

Soprannominato Walkie Talkie per la particolare conformazione del suo involucro, il 20 Fenchurch Street è stato completato su progetto dell’architetto uruguaiano basato a New York lo scorso anno nella City di Londra ed è diventato, con i suoi 160 m di altezza destinati al terziario, il quinto edificio più alto della capitale del Regno Unito.

walkie talkie

Ma è un grattacielo divenuto famoso fin durante le fasi del cantiere soprattutto per un clamoroso errore di valutazione, progettuale ed esecutivo.
La particolare forma concava della sua facciata principale, orientata verso le rive del Tamigi e rivestita di pannelli di vetro, in un determinato periodo dell’anno diventava infatti un enorme specchio ustorio, che concentrava i raggi solari e li proiettava, causando danni, sulle aree circostanti.

A fine estate 2013 il problema, evidentemente sottovalutato, ha colpito molti autoveicoli parcheggiati nelle vicinanze provocando lo scioglimento delle vernici delle carrozzerie e delle parti in plastica e resina e generando per questo ilarità fra la stampa e i critici. E costringendo a un intervento riparatore in corso d’opera per minimizzarne gli effetti, con la municipalità di Londra obbligata a chiudere alcuni dei parcheggi più colpiti dal fenomeno. Forse è anche per questo il Walkie Talkie, definito un “gratuito gargoyle di vetro inciso nello skyline di Londra”, è stato l’edificio più nominato e commentato di sempre nella storia della Carbuncle.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Il Walkie Talkie di Rafael Viñoly è l’edificio più brutto del 2015 Architetto.info