La ceramica e il progetto 2016: due settimane per partecipare al bando | Architetto.info

La ceramica e il progetto 2016: due settimane per partecipare al bando

Scade il 16 maggio 2016 il bando per partecipare al concorso La ceramica e il progetto, dedicato all'eccellenza nell'uso della ceramica in architettura e legato al Cersaie 2016

Chiesa della Misericordia di Terranuova Bracciolini (Archea Associate) - Vincitore di La Ceramica e il Progetto 2015, categoria Istituzionale - Arredourbano 2015
Chiesa della Misericordia di Terranuova Bracciolini (Archea Associate) - Vincitore di La Ceramica e il Progetto 2015, categoria Istituzionale - Arredourbano 2015
image_pdf

Tra due settimane scadrà il concorso di architettura “La Ceramica e il Progetto” arrivato alla quinta edizione. Il concorso, organizzato da Confindustria Ceramica e Cersaie per premiare e dare visibilità alle migliori realizzazioni in piastrelle di ceramica italiana, ripropone le tre categorie architettoniche (edifici istituzionali/arredo urbano, residenziali e commerciali/Hospitality) per progetti realizzati in Italia ed all’estero. Architetti e interior designer interessati devono comunque essere residenti in Italia e devono presentare opere portate a termine tra gennaio 2013 e gennaio 2016.

Sul sito web è possibile scaricare il bando del concorso e compilare il modulo per l’iscrizione online. La partecipazione al concorso è completamente gratuita ed è possibile presentare più di un progetto per la stessa categoria o per categorie differenti entro il 16 maggio. L’iniziativa è rivolta a opere ex-novo, a ristrutturazioni o a interventi di recupero architettonico, mettendo al centro l’impiego di prodotti ceramici di aziende che aderiscono a Ceramics of Italy, il marchio collettivo che garantisce l’eccellenza e la qualità italiana.

La giuria, composta dagli architetti Sebastiano Brandolini, Michele Capuani e Cino Zucchi, valuterà i progetti pervenuti sulla base di criteri di creatività, funzionalità e gusto estetico della realizzazione, prendendo in considerazione la progettazione nel complesso, l’impiego delle piastrelle di ceramica, la qualità della posa e la valorizzazione ambientale resa possibile dalle caratteristiche di sostenibilità del materiale. Al progettista vincitore di ciascuna categoria verrà assegnato un premio di 5mila euro. La premiazione avverrà entro l’estate 2016 nell’ambito di un evento Ceramics of Italy, in una prestigiosa location italiana.

Sono stati 60 i partecipanti alla scorsa edizione del premio. Per la categoria Commerciale Hospitality, il premio è andato allo studio Casciu Rango Architetti per il progetto di recupero della Cantina Vinicola Su Entu (Sardegna) realizzato con piastrelle Marazzi sia negli ambienti commerciali che nelle aree destinate alla produzione. La Categoria Istituzionale vede il primo premio assegnato allo studio Archea Associati per la Chiesa della Misericordia di Terranuova Bracciolini realizzato con piastrelle Tagina, prodotte appositamente per l’intervento di ristrutturazione della struttura. In ambito Residenziale il premio è andato a “Montebar Villa” abitazione prefabbricata in legno nel Canton Ticino, rivestita con piastrelle Casalgrande Padana dallo studio di architettura “JM Architecture“.

Sono state assegnate anche due menzioni d’onore al progetto IULM 6 dello studio 5+1 AA (piastrelle Casalgrande Padana) al progetto Centro Parrocchiale Regina Pacis dello studio Iotti+Pavarani Architetti (piastrelle Florim).

Infine, lo Special Award al progetto “Il Bosco Verticale” di Milano, realizzato da Boeri Studio, che vede impiegate le piastrelle di tre aziende ceramiche italiane: Cotto d’Este, Lea e Mirage.

Copyright © - Riproduzione riservata
La ceramica e il progetto 2016: due settimane per partecipare al bando Architetto.info