La nuova sede Reale Mutua a Torino di Artecna + Iotti+Pavarani | Architetto.info

La nuova sede Reale Mutua a Torino di Artecna + Iotti+Pavarani

Il nuovo complesso del gruppo assicurativo Reale Mutua attua un’operazione di rigenerazione urbana nel centro storico demolendo e ricostruendo un edificio dalle facciate firmate Iotti+Pavarani candidato al Leed Platium

principale_reale mutua
image_pdf

Il New Building Bertola, il nuovo complesso che a Torino svetta su corso Siccardi, è diventato da poco la nuova sede degli uffici di Reale Group, parte del Gruppo Reale Immobili. È stato realizzato in poco più di tre anni su progetto di Artecna con la direzione artistica delle facciate di Paolo Iotti e Marco Pavarani.

Il centrale lotto su cui sorge, in precedenza occupato dagli uffici Iren, si trova al confine meridionale del castrum romano che diede origine alla città, in posizione molto prossima alla cinquecentesca Cittadella e da una piazza Arbarello in rinnovamento, che sta convertendo la palazzina ex sede della Facoltà di Economia in sede del Collegio Carlo Alberto secondo il progetto del gruppo guidato da Isolarchitetti per l’importante committenza di Compagnia di San Paolo. Non lontano, un altro pezzo di città da poco trasformato: il Palazzo della Luce che, da storica Enel, è divenuto residenza di alto livello su progetto dello studio Emprin Jaeger.

L’obiettivo del progetto che ha dato vita al New Building Bertola, che rinnova un importante pezzo di centro storico attraverso un processo di demolizione e ricostruzione, era duplice. Da una parte, la volontà, che conferma l’intenzione del gruppo di continuare il legame con la città in cui nacque, di realizzare una sede unica in cui raggruppare gli oltre 750 dipendenti di Banca Reale, Blue Assistance, Reale Ites e Italiana Assicurazioni Divisione Rem distribuiti in varie sedi. Dall’altra, la creazione di un polo che raggruppa anche i principali edifici riconducibili alla società, entrambi progettati da Armando Melis da Villa e Giovanni Bernocco negli anni trenta del Novecento: l’imponente torre littoria di piazza Castello, che, insieme a residenze e altro terziario, ne ospita oggi ancora alcuni uffici, e la storica sede di via Corte d’Appello.

Il nuovo complesso occupa quasi interamente l’isolato compreso tra corso Siccardi, via Bertola, via San Dalmazzo e via Santa Maria, acquisito dal gruppo Reale Immobili a gennaio 2013, sostituendosi al vecchio costruito: un edificio storico tra via Bertola e via San Dalmazzo, di cui una delle rare operazioni italiane di facciatismo mantiene le sole facciate (tutelate), e un edificio eretto a inizio anni settanta, completamente demolito.

reale mutua_demolizione lotto

reale mutua_stato originario

New Building Bertola è costituito da tre nuovi volumi interconnessi di nove, cinque e sei piani che, “appoggiandosi” all’edificio residenziale all’angolo tra via corso Siccardi e via Santa Maria, ripropongono un nuovo insieme in scala e armonia con il contesto circostante. Due ingressi distinti, su corso Siccardi e su via Santa Maria in direzione e collegamento con la sede di via Corte d’Appello, permettono l’accesso a un complesso i cui 23.500 mq complessivi, progettati internamente da Archilabs, sono studiati per ospitare 850 postazioni di lavoro, un parcheggio di tre piani interrati per automobili, moto e biciclette, un auditorium da 250 posti, una palestra, un bar a piano terra e una caffetteria sul tetto terrazzo panoramico affacciato sul corso.

Importante elemento di qualificazione ambientale, una rinnovata corte interna di 1.700 mq connette le diverse parti e offre 350 mq di superfici verdi che, irrigate da una vasca di raccolta dell’acqua piovana, si affiancano ad altri 400 mq di verde presente su tre terrazze piane.
Il cantiere, gestito da Pessina Costruzioni, ha avuto inizio a metà 2013 con i primi sondaggi e la bonifica dell’area per concludersi ad agosto 2016, quando è stato completato il trasferimento dei dipendenti.

Punto focale e particolarmente delicato dell’intervento, lo studio e la progettazione di un involucro moderno, tecnologico ma in grado di legare il nuovo con un costruito consolidato, sono stati oggetto di un concorso di idee a inviti tra 16 progettisti che ha visto vincitrice l’idea di Paolo Iotti e Marco Pavarani (leggi l’intervista).

Lo studio basato a Reggio Emilia ha proposto una soluzione duplice: verso la corte ha optato per la trasparenza totale di superfici vetrate continue schermate dall’interno e da lamelle frangisole in tre tonalità di alluminio anodizzato posizionate sulle facciate più esposte, mentre l’involucro su strada, che ha anche un’illuminazione integrata in facciata, è costituito da pannelli prefabbricati posati secondo un passo di 3,60 m in cui vuoti e pieni, di dimensioni variabili, sono costituiti da aperture vetrate a tutt’altezza e lastre di grandi dimensioni di grés porcellanato, Kerlite di Cotto d’Este.

Gli aspetti energetici e gestionali sono stati un altro passaggio obbligato per una società che mira al progressivo efficientamento di tutte le sue sedi: il New Building Bertola è stato infatti progettato e realizzato per ottenere la certificazione Leed Platinum, di cui sono in corso le procedure. L’edificio, climatizzato ad aria, è alimentato da un impianto geotermico e da un impianto fotovoltaico di 400 mq con una potenza di 50 kW, e utilizza sistemi domotici per il controllo dell’illuminazione interna. Per ottimizzare lo scambio termico con l’esterno, ha posato vetri basso emissivi sulle facciate più esposte (a sud-est e a nord-ovest) per controllare l’ingresso della radiazione infrarossa e utilizza vetri selettivi su quella più penalizzata, la facciata interna totalmente vetrata rivolta verso nord-est. Tutti gli impianti sono connessi a un sistema di supervisione centralizzato.

La gestione dell’edificio è infine al centro di un progetto che, sviluppato insieme al Politecnico di Torino nel laboratorio “Drawing to the Future”, permetterà il facility management tramite sistemi Bim e applicazioni di realtà aumentata.

Crediti del progetto
Progetto generale e direzione lavori: Artecna
Project management: Recchi Engineering
Progetto e direzione artistica facciate: Iotti + Pavarani architetti
Progettazione spazi interni: Archilabs
Strutture: Simete
Impianti meccanici e antincendio: Studio Tecnico Rosselli
Impianti elettrici: Electrical System Design
Leed: Habitech

Leggi anche: Piuarch per Gucci: la nuova sede di Milano ricavata in un’ex fabbrica aeronautica

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
La nuova sede Reale Mutua a Torino di Artecna + Iotti+Pavarani Architetto.info