La villa di Nazzareno Petrini ispirata alle case coloniche | Architetto.info

La villa di Nazzareno Petrini ispirata alle case coloniche

La villa, realizzata come una casa colonica, abbraccia il paesaggio collinare tutto intorno grazie alla planimetria ramificata e ad uno spazio abitativo centrale

Casa firmata da Nazzareno Petrini
Casa firmata da Nazzareno Petrini
image_pdf

L’architetto Nazzareno Petrini dello studio Petrini Solustri & Partners ha progettato una residenza privata sulle colline marchigiane che riprende le caratteristiche di una tradizionale casa colonica e abbraccia il contesto nel quale è inserita. Effetto reso possibile dalla planimetria dalla forma irregolare e ramificata che prevede uno spazio centrale abitativo.

Il progetto consente così di creare dall’interno della villa da un lato viste verso la collina e dall’altro verso il centro storico del paese. L’ingresso si trova all’incrocio di due bracci dell’abitazione e si apre sullo spazio centrale. Sul lato opposto un porticato crea spazi protetti e contribuisce a schermare la luce solare. Zona giorno, cucina/servizi e zona notte rappresentano i tre grandi spazi funzionali in cui è suddiviso l’interno dell’abitazione privata.

Per la realizzazione dei serramenti della villa, che contribuiscono a mantenere le linee pulite che caratterizzano il progetto, l’impresa esecutrice del progetto, la Subissati srl, ha utilizzato le soluzioni Agostini Group. Il prodotto scelto è FibexInside della serie 502.73 con finitura interna in legno e finitura esterna in alluminio, una soluzione dai profili molto sottili, ideale per incorniciare il panorama esterno e permettere al contempo allo spazio esterno di penetrare negli ambienti portando la maggior quantità di luce possibile dentro le stanze.

Copyright © - Riproduzione riservata
La villa di Nazzareno Petrini ispirata alle case coloniche Architetto.info