L'architettura in legno protagonista a Expo 2015 Milano | Architetto.info

L’architettura in legno protagonista a Expo 2015 Milano

La visita di Architetto.info alle opere realizzate dal Gruppo Rubner a Expo Milano 2015: il cluster BioMediterraneo - Isole, Mare e Cibo - Zone Aride - Cereali e Tuberi, Rocchetti del Children Park e Padiglione Slow Food

wpid-27018_SlowfoodPMB.jpg
image_pdf

Nell’ambito dell’edilizia in legno, il Gruppo Rubner, sotto la guida del suo general contractor Rubner Objektbau,ha portato a Expo Milano 2015 la propria expertise con tre prestigiose opere architettoniche. Architetto.info le ha visitate, sotto la guida di Alessandro Lacedelli, amministratore delegato di Rubner Objektbau.


Expo Milano 2015 “Cluster1/East: BioMediterraneo – Isole, Mare e Cibo – Zone Aride – Cereali e Tuberi”

Il primo importante progetto rappresenta alcuni tra gli elementi più caratteristici di Expo Milano 2015. Si tratta di spazi espositivi che raggruppano oltre 30 paesi esteri e la Sicilia per un totale di 43 edifici con un unico tema condiviso attraverso un singolo progetto architettonico.

Cluster1/East: BioMediterraneo – Isole, Mare e Cibo

L’interno del Cluster BioMediterraneo Isole, Mare e Cibo

Il soffitto del Padiglione del Montenegro all’interno del Cluster BioMediterraneo

Cluster1/East: BioMediterraneo – Zone Aride

Cluster1/East: BioMediterraneo -Cereali e Tuberi

Expo Milano 2015 “Rocchetti del Children Park”

Rubner si è occupato della fornitura di 8 “Rocchetti-Albero”: elementi caratteristici in legno con un diametro di 12 metri e un’altezza di 7,50 metri all’interno di uno spazio dalle contaminazioni naturali che rimanda, dal punto di vista architettonico, a un giardino con alberi dai grandi rami. I “Rocchetti” personalizzano un’area speciale dedicata ai bambini che, grazie ai valori intrinseci del legno, è in grado di trasmettere e richiamare i valori della sostenibilità: dall’albero al legno, simboli di una crescita e di un futuro in armonia con la natura.

Expo Milano 2015: “Slow Food”

Il terzo progetto, firmato dal famoso studio di architettura Herzog & de Meuron, riguarda la fornitura da parte di Rubner di tre padiglioni all’interno dello spazio dedicato a “Slow Food”.

I padiglioni sono localizzati in posizione strategica, alla fine del Decumano e all’ombra della collina mediterranea e compongono, in pianta, un triangolo aperto. Gli edifici sono interamente in legno e ricordano le case agricole e le cascine di un tempo.

Grazie alle straordinarie proprietà del legno, materiale flessibile e versatile per qualsiasi tipo di costruzione, i progetti a cura di Rubner – per un valore complessivo di 27 milioni di euro, incluso l’incarico acquisito il 30 aprile 2015 per conduzione e manutenzione delle opere realizzate –  sono in grado di interpretare e valorizzare l’identità e la filosofia di ciascuno di essi in un’ottica di personalizzazione degli spazi.

Nello sviluppo dei progetti per Expo Milano 2015, le competenze di Rubner Objektbau sono state affiancate a quelle di Rubner Holzbau, punto di riferimento europeo nel campo della costruzione di grandi strutture, eseguite assicurando al cliente una cura del progetto a 360° – dalla trave in legno lamellare alla soluzione completa – e sempre con tempi di messa in opera molto rapidi ed efficienti grazie all’elevato livello di prefabbricazione.

Copyright © - Riproduzione riservata
L’architettura in legno protagonista a Expo 2015 Milano Architetto.info