L'Auditorium del Parco a L'Aquila | Architetto.info

L’Auditorium del Parco a L’Aquila

wpid-250_.jpg
image_pdf
{GALLERY}

Progettista/i    RPBW Renzo Piano Building Workshop (Renzo Piano, Paolo Colonna); Atelier Traldi (Alessandro Traldi)
Luogo    L’Aquila
Tempi di realizzazione    marzo-ottobre 2012
Tempi di intervento    nuova costruzione
Destinazione d’uso    auditorium

L’Auditorium del Parco a L’Aquila è il primo edificio certificato ARCA in Italia. Realizzato in prossimità del Castello e del centro storico della città, la struttura è stata pensata con l’intento di restituire al capoluogo abruzzese un luogo di aggregazione, in temporanea sostituzione delle numerose sale, dei teatri e degli auditorium che si contavano a L’Aquila prima del terremoto dell’aprile 2009. L’Auditorium è formato da 3 blocchi cubici accostati, in legno, di cui il più grande e centrale risulta inclinato a 30° su un lato, in modo da lasciare l’impressione che sia conficcato nel terreno con uno spigolo. Le pareti interne, così inclinate, forniscono la base per gli scalini e le sedute della platea che fronteggiano il palco. La sala contiene un totale di 238 spettatori, mentre il palco può ospitare fino a 40 orchestrali. I due cubi laterali sono destinati ad accogliere il foyer d’ingresso, i servizi igienici e i camerini per gli artisti.

La scelta del legno per i tre edifici che compongono l’auditorium è legata sia alle caratteristiche antisismiche del materiale, sia alla sua funzione acustica. L’impiego del legno di abete proveniente dalle foreste trentine della Val di Fiemme, per rivestire le pareti interne della sala principale dell’auditorium e per realizzare le grandi vele acustiche di cui la stessa è stata dotata, ha infatti consentito di creare all’interno del “cubo due” dell’auditorium una cassa armonica caratterizzata da una risonanza acustica pressoché perfetta. Sulla base del lavoro dello studio RPBW, per cantierizzare le parti in legno è stato necessario un rilevante lavoro di affinamento ai fini della prefabbricazione delle sezioni in legno, lavoro eseguito dalla ditta Log Engineering S.r.l. di Trento che, presso il proprio stabilimento, ha prodotto tutte le singole componenti in legno e i rivestimenti esterni necessari, poi trasferiti e montati in cantiere a L’Aquila. La prefabbricazione ha permesso tempi molto rapidi di costruzione, per un edificio di tale complessità architettonica. Complessivamente, le parti in legno (quindi escluse le fondamenta) sono state approntate, montate e rifinite in appena 4 mesi di lavoro, da giugno al giorno dell’inaugurazione, avvenuta il 7 ottobre 2012.
La struttura di forma cubica della sala principale è formata da un reticolo di travi in legno d’abete lamellare (spessore 200 x 720 mm) controventate su entrambi i lati con pannelli XLAM di abete da 95 mm a 3 strati. Le strutture sono state prefabbricate in modo da permettere un montaggio a fasce orizzontali, con precisione e velocità di posa. Gli elementi prefabbricati sono collegati tra loro con giunzioni metalliche chiodate, per renderle perfettamente collaboranti, mentre i pannelli in XLAM posti sulla superficie esterna, anch’essi integralmente prefabbricati, sono stati posizionati in cantiere per permettere l’installazione degli impianti, di cui è garantita l’ispezionabilità. La struttura, così composta, garantisce una resistenza al fuoco R60. Le pareti esterne dei tre cubi sono state completamente rivestite con doghe in larice, termotrattate e dipinte a mano con colori a base acqua e pigmenti naturali di 21 differenti tonalità, di lunghezza diversa, selezionate dalla direzione artistica e dalla direzione lavori.

Per la realizzazione delle parti in legno dell’Auditorium sono stati impiegati:

• 1165 m3 di legname delle foreste trentine (abete e larice);
• 1 milione di viti e chiodi;
• 2,5 km di barre filettate per unire i vari elementi prefabbricati.
Per il rivestimento esterno:
• 20 km di doghe colorate;
• 14 km di listelli a sostegno delle doghe;
• 6000 ore di tecnici e 10.000 ore di operai.

Il progetto ha visto inoltre coinvolti: IVALSA CNR, per la certificazione dei materiali in legno; Log Engineering S.r.l. di Trento e Log House, per le strutture in legno e i rivestimenti interni ed esterni. Vincitrici
dell’appalto di costruzione sono stati: Collini Lavori S.p.a., EdilTione, ostner Holzhaus/Edifici in legno.

Dati Tecnici
Sistema costruttivo    travi in legno lamellare di abete, pannelli XLAM
Sistema di facciata    cappotto e facciata ventilata
Materiale involucro    doghe in legno di larice termotrattato
Trattamenti legno    struttura portante trattata con impregnante per interni; in interno vernice ignifuga trasparente fornita dalla ditta Sayerlack; in esterno termotrattamento stabilizzante ad alta temperatura, spazzolatura superfici, impregnazione superfici con soluzione alcalina composta di acqua, soda caustica, cemento e calce, additivata con pigmenti naturali, con prodotto Carver, successiva impregnazione con olio a base naturale per applicazioni su legno da esterno fornito dalla ditta Carver
Legno a vista    l’intera struttura, parti interne ed esterne, è caratterizzata da legno a vista, di differenti colorazioni
Imprese legno    Log Engineering
Costo    6,7 milioni di Euro

Copyright © - Riproduzione riservata
L’Auditorium del Parco a L’Aquila Architetto.info