Legno in edilizia: la Wohnhaus aus Holz di Kuhnlein Arkitektur | Architetto.info

Legno in edilizia: la Wohnhaus aus Holz di Kuhnlein Arkitektur

Struttura, interni e finiture completamente in legno caratterizzano la Wohnhaus aus Holz realizzata a Neumarkt in der Oberpfalz su progetto dei bavaresi Kuhnlein Arkitektur

wpid-26835_principalepic.jpg
image_pdf

Una casa interamente di legno. Così si presenta la Wohnhaus aus Holz (letteralmente “casa in legno”), residenza unifamiliare circondata da un giardino privato completata nel 2014 nella città bavarese di Neumarkt in der Oberpfalz su progetto di Kühnlein Arkitektur.

La distribuzione degli spazi interni, la posizione delle aperture, le particolari scelte effettuate per la finitura dell’involucro e il rapporto instaurato con l’area esterna definiscono un edificio introverso, costituito da due volumi simmetrici a un piano fuori terra che, coperti da due tetti a doppia falda molto spioventi, sono collegati da un elemento trasversale a copertura piana e impostano una planimetria a H.

Il progetto posiziona l’ingresso principale a est, verso la strada, dove colloca gli accessi pedonale e carraio, e il garage.

L’ingresso pedonale introduce all’interno del corpo di collegamento che separa due aree della casa funzionalmente distinte e funge da filtro semi-trasparente tra la strada e il giardino interno, dove realizza un patio aperto su un lato.

Le due ali parallele ospitano la zona giorno e la zona notte: la prima è un locale open space con cucina a vista e bagno, la seconda contiene invece due bagni e tre stanze da letto collegate da un corridoio.

L’ingresso dall’esterno e dall’interno

I due volumi rendono manifeste anche all’esterno le loro funzioni attraverso il posizionamento e il trattamento delle aperture. Il primo, spazio più pubblico, è un volume completamente chiuso a nord che apre grandi finestre a tutt’altezza verso sud (il patio) e ovest (il giardino). Il secondo, dal carattere più privato, appare invece come un volume completamente chiuso e senza finestre, che, pur ampie e rivolte verso sud e ovest, sono celate dietro una listellatura verticale esterna in legno che acquista anche la funzione di frangisole.

La planimetria e la sezione trasversale (© Kühnlein Arkitektur)

Il legno è il materiale costitutivo pressoché totale dell’edificio e caratterizza completamente sia l’esterno che l’interno.

Internamente, gli strati di finitura delle pavimentazioni, gli arredi (scelti e progettati dietro indicazione della committenza), le superfici interne di muri perimetrali e tramezzi e gli intradossi delle coperture, le cui falde inclinate slanciano gli ambienti, sono in legno: di larice per arredi, soffitti e pareti, di quercia per i pavimenti.

La zona giorno

Gli interni sono ulteriormente caratterizzati dalla discreta ma diffusa presenza del rame, materiale costitutivo di prese e interruttori elettrici posizionati sui muri e di lampade e lampadari, tutti realizzati su disegno.

I dettagli dell’illuminazione e degli interruttori elettrici

La struttura e la gestione energetica

L’uso totale del legno definisce anche le scelte strutturali, a eccezione delle fondazioni. La Wohnhaus aus Holz si imposta infatti su una platea galleggiante di cemento armato di 20 cm di spessore, unico, necessario e limitato elemento di ancoraggio con il terreno, gettata al di sopra di uno strato di ghiaia di vetro cellulare.

Pareti e tetti, che coprono senza ricorrere ad arcarecci, travi o altri elementi di sostegno le lunghezze di quasi 20 m dei due volumi principali, sono invece costituiti da un doppio strato, portante e di finitura.

La parte portante, interna, è costituita da pannelli multistrato a fibre incrociate X-lam di legno di larice. L’esterno è invece realizzato da una superficie pressoché continua di listelli verticali di legno, di larice anch’essi, distanziati fra loro da fasce metalliche orizzontali che hanno anche la funzione di ancoraggio alla parte portante interna. Il legno esterno non è volutamente trattato per ottenere un controllato invecchiamento dell’edificio con il passare del tempo.

Per quanto riguarda la gestione energetica soprattutto invernale, Wohnhaus aus Holz, il cui involucro è dotato di per sé di buone capacità isolanti, è riscaldato da una pompa di calore geotermica che alimenta pannelli radianti a pavimento. A questi si affiancano pannelli radianti supplementari a muro localizzati nei bagni e una stufa a legna nel soggiorno.

L’autore


Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica, si laurea e si abilita all’esercizio della professione a Torino nel 2001. Iscritta all’Ordine degli architetti di Torino dal 2006, lavora per diversi studi professionali e per il Politecnico di Torino, come borsista e assegnista di ricerca. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino (mostre a Torino nel 2006 e Monaco di Baviera nel 2011 e ricerche per la Camera di Commercio di Torino nel 2008) e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”, dove segue il settore dedicato alla formazione e all’esercizio della professione. Dal 2010 partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino, come membro di due focus group (Professione creativa e qualità e promozione del progetto) e giurata nella nona e decima edizione del Premio architetture rivelate. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con Cristiana Chiorino e Giulietta Fassino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Legno in edilizia: la Wohnhaus aus Holz di Kuhnlein Arkitektur Architetto.info