Lo stadio sostenibile per i mondiali del Brasile 2014 | Architetto.info

Lo stadio sostenibile per i mondiali del Brasile 2014

wpid-12123_arenapernambucocampo.jpg
image_pdf

Tra i 12 stadi che ospiteranno i Campionati Mondiali di Calcio del 2014 in Brasile, ce n’è uno che si distacca dagli altri per non essere situato in ambientazioni urbano-cittadine. Si tratta della Pernambuco Arena, una struttura in grado di ospitare 46mila spettatori, a São Lourenço da Mata, l’area metropolitana di Recife, una delle più popolose metropoli nel nord dello stato (1 milione e mezzo di abitanti).

L’arena è situata in un’area largamente occupata da elementi naturali: foresta nativa, canali e corsi d’acqua che affluiscono al grande Capibaribe, e zone protette. Una collocazione strategica per il futuro sviluppo della zona, che sarà presto collegata alla città di Recife direttamente, e per il quale il nuovo stadio giocherà un ruolo fondamentale.

Dato questo contesto, lo studio Fernandes Arquitetos Associados, autore del progetto, ha pensato a uno stadio munito di spalti più bassi del normale, per comunicare la sensazione che l’arena non sia un edificio artificialmente piazzato nel mezzo della natura. Un effetto ricreato grazie alle facciate laterali gradienti e ascendenti, come se l’arena spuntasse “naturalmente” dal suolo.

Concepita secondo il massimo del comfort per gli spettatori e per gli atleti, è dotata di sistemi che tengono conto della sostenibilità ai massimi livelli, come la ventilazione e l’illuminazione naturale e un impianto di raccolta e riciclo dell’acqua piovana.

Oltre allo spazio specifico per il gioco del calcio, l’arena ospiterà concerti, eventi pubblici e fiere, usufruendo anche di ampie sale conferenze e altri spazi, nell’ottica di diventare il motore dello sviluppo commerciale e culturale dell’intera area.

 

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Lo stadio sostenibile per i mondiali del Brasile 2014 Architetto.info