Mad Architects, il super-studio cinese 'debutta' a Roma | Architetto.info

Mad Architects, il super-studio cinese ‘debutta’ a Roma

Sara' realizzato a Roma il Complesso Boncompagni, il primo progetto italiano ed europeo del super-studio cinese Mad Architects, che trasformera' un intero isolato con 145 nuove residenze di alta gamma

wpid-25697_MADboncompagniexternalview.jpg
image_pdf

Sarà costruito a Roma, in via Boncompagni, il primo progetto italiano (ed europeo) dello studio di architettura cinese Mad Architects. Si è infatti finalmente concluso il lungo iter approvativo della proposta presentata dai vincitori del concorso a inviti (che si appoggiano a collaboratori italiani tra cui Isi engineering e Studio Busnengo) lanciato nel 2010 dal Fondo Unicredito Immobiliare Uno e Torre sgr per la trasformazione del centrale isolato compreso tra via Boncompagni, via Puglie, via Sicilia e via Romagna.

Il complesso, soggetto per la composizione e la posizione di particolare pregio alla complessa presentazione e approvazione di un Piano di recupero di iniziativa privata, è attualmente composto da tre elementi edilizi disomogenei che racchiudono una corte interna: un edificio residenziale e terziario affacciato su via Boncompagni e via Romagna che, realizzato negli anni settanta, si estende per la maggior parte dell’isolato; l’ex chiesa di San Lorenzo da Brindisi all’angolo tra via Puglie e via Sicilia e l’ex Curia Generalizia e Collegio internazionale dei Frati Cappuccini su via Sicilia, abbandonato nel 1968 e poi residence con 40 unità.

SCOPRI ALTRI PROGETTI DELLO STUDIO MAD ARCHITECTS: 

Absolut TowersSheraton Hot Spring ResortHarbin Cultural Centre

Il Complesso Boncompagni

Inizia così la fase progettuale esecutiva del “Complesso Boncompagni” che nei prossimi anni trasformerà completamente l’area, mantenendo le facciate dell’ex Collegio e integrando l’ex chiesa, rifunzionalizzata in biblioteca e centro congressi.

L’azione sarà concentrata maggiormente sull’edificio compreso tra via Boncompagni e via Romagna, che diventerà una residenza di alta gamma di otto piani fuori terra in cui saranno ricavate 145 nuove unità immobiliari a metrature variabili con spazi commerciali. Verrà realizzato anche un nuovo parcheggio di cinque livelli sotterranei.

© MAD Architects

La modalità di intervento sarà parzialmente conservativa: riutilizzerà infatti le strutture portanti esistenti, solai, pilasti e travi in cemento armato, ricostruendo un involucro totalmente nuovo che andrà a sostituire le vecchie facciate rimosse.

© MAD Architects

Elemento completamente contemporaneo, le nuove facciate apriranno l’edificio all’esterno e daranno nuove immagine e personalità al complesso ricorrendo a materiali come vetro e acciaio e realizzando per ogni piano superfici traslucide curve nei cui interstizi saranno ricavati balconi e aree verdi. Il vetro sarà utilizzato anche nelle balaustre a chiusura dei terrazzi le cui sporgenze saranno plasmate da elementi sagomati che si prevedono in GRC (Glass Fiber Reinforced Concrete).

© MAD Architects

All’interno dell’isolato, l’esistente corte sarà anch’essa trasformata in un giardino astratto con uno specchio d’acqua centrale.

© MAD Architects


L’autore


Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica, si laurea e si abilita all’esercizio della professione a Torino nel 2001. Iscritta all’Ordine degli architetti di Torino dal 2006, lavora per diversi studi professionali e per il Politecnico di Torino, come borsista e assegnista di ricerca. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino (mostre a Torino nel 2006 e Monaco di Baviera nel 2011 e ricerche per la Camera di Commercio di Torino nel 2008) e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”, dove segue il settore dedicato alla formazione e all’esercizio della professione. Dal 2010 partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino, come membro di due focus group (Professione creativa e qualità e promozione del progetto) e giurata nella nona e decima edizione del Premio architetture rivelate. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con Cristiana Chiorino e Giulietta Fassino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Mad Architects, il super-studio cinese ‘debutta’ a Roma Architetto.info