Marina Verde, il resort di lusso tutto in legno | Architetto.info

Marina Verde, il resort di lusso tutto in legno

wpid-18102_marinaverde.jpg
image_pdf

Sul lungomare di Caorle, pochi chilometri a nord di Venezia, è stata ultimata nel 2011 una struttura che rappresenta un precedente di riferimento per l’edilizia in legno in Italia. Si tratta del lussuoso “Marina Verde Wellness Resort”, costituito da due edifici che ospitano 73 unità abitative, e che rappresenta una dimostrazione efficace di come il legno come materiale portante degli edifici multipiano possa rispettare i più rigorosi requisiti di antisismicità e di resistenza al fuoco. A tutto ciò si aggiunge anche il raggiungimento di standard qualitativi ed energetici di altissimo livello, al punto che il resort di Caorle è la prima struttura nel suo genere ad aver ricevuto la certificazione “CasaClima Classe A+” in Europa.

L’edificio di Marina Verde è il primo edificio a 6 piani su colonne in Italia per la cui costruzione è stato impiegato esclusivamente il legno, fornito da Rubner Holzbau soprattutto sotto forma di legno lamellare per tutti i pilastri, i rivestimenti parete, le travi e la copertura di 8.000 m2 di superficie, con l’unica eccezione del vano scale e di alcuni pilastri esterni.

Ciascuna delle due “torri” è composta da 7 piani fuori terra (compresa la copertura dell’attico superiore), per un totale di circa 8.000 mq di solai in legno tra interno ed esterno. La struttura verticale è costituita da telai, travi e pilastri, in legno lamellare, tamponati con pareti perimetrali preassemblate in stabilimento e già integrate nei telai stessi. In tal modo, è possibile far giungere in cantiere le parti di facciata complete e posizionarle direttamente in opera, assicurando un’eccezionale velocità. La struttura orizzontale è costituita da solai (interni, terrazze, balconi) realizzati con elementi in legno lamellare affiancati e “cuciti” in piano uno con l’altro mediante un fitto fissaggio con graffe, atto ad garantire il funzionamento “a lastra” del solaio nei confronti dei carichi orizzontali di sisma e vento, da tenere sempre in considerazione soprattutto in casi di edifici imponenti e alti. Il dimensionamento delle membrature del solaio per i carichi verticali soddisfa, oltre ovviamente alle verifiche statiche, anche quelle dinamiche sulla frequenza di calpestio. Completano la realizzazione le diverse tramezzature interne singole e doppie e le varie stratigrafie di solaio e di copertura.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Marina Verde, il resort di lusso tutto in legno Architetto.info