Per il Walkie Talkie di Rafael Vinoly il giardino pensile piu' alto di Londra | Architetto.info

Per il Walkie Talkie di Rafael Vinoly il giardino pensile piu’ alto di Londra

Aperto a Londra il giardino pensile pubblico progettato dai paesaggisti Gillespies al 35° e ultimo piano del grattacielo Walkie Talkie di Rafael Vinoly

wpid-25813_.jpg
image_pdf

Sulla cima del Walkie Talkie, il controverso grattacielo a Londra “scioglitore” di automobili progettato dall’architetto uruguaiano con base a New York Rafael Viñoly, si è appena completato e aperto il nuovissimo Sky Garden, il giardino pensile più alto di tutta la capitale, realizzato su progetto degli architetti paesaggisti Gillespies.

Superate le (realmente) roventi polemiche dell’estate 2013 dovute alla particolare forma concava del suo fronte principale che, concentrando i raggi solari, diventava un enorme specchio ustorio rivolto verso i dintorni di cui anche lo stesso progettista era stato obbligato a scusarsi dai promotori con l’ammissione di averne sottovalutato la potenza, il 35° (e ultimo) piano si è finalmente dotato dell’elemento chiave di tutto il progetto.

LEGGI ANCHE: 

La realizzazione di questa parte dell’edificio, che fin dall’inizio era prevista come un grande parco aperto al pubblico, è stata infatti la condizione essenziale per il completamento dell’iter approvativo della costruzione del grattacielo, eretto all’interno di un’area tutelata. L’importante progetto di questa “cima verde” era quindi stato affidato ai britannici Gillespies, specializzati nell’ideazione e realizzazione di giardini, parchi e aree verdi.

Collocato a quota +160 m sulla cima del Walkie Talkie, nomignolo non troppo lusinghiero derivato all’edificio dalla forma scelta per il suo volume, il giardino è chiuso superiormente da una cupola vetrata sorretta da una sequenza di portali metallici e si sviluppa su diversi livelli e pendii.

Courtesy Sky Garden

Al livello di accesso inferiore, a cui si giunge da un ingresso appositamente dedicato al giardino alla base del grattacielo, una piazza pavimentata con ampie aree per il ristoro e la consumazione di bevande e pasti (il piano può ospitare fino a 400 persone contemporaneamente all’interno di locali, ristoranti e bar) si apre sullo skyline cittadino e dà l’accesso a una balconata suggestivamente aperta su Londra.

Al di sopra, si aprono tre ulteriori livelli degradanti continui sui quali sono piantumate essenze verdi mediterranee e tropicali: mentre felci e alberi di fico popolano il piano più alto, l’intermedio è infatti coperto da una distesa di Cycadaceae e il terzo è vivacizzato da piante di lavanda e rosmarino, gigli africani e Kniphofie.

Courtesy Sky Garden

Dopo una lunga attesa e vicende non prive di problemi, il polemizzato Walkie Talkie è così finalmente concluso con un atto finale che tuttavia non sembra “rimediare” del tutto agli errori del passato. Secondo il critico architettonico del Guardian Oliver Wainwright, presente al momento dell’inaugurazione, il risultato è infatti ben al di sotto delle aspettative: “non è il parco pubblico promesso, ma l’ennesimo spazio prenotabile per feste private”.

L’autore


Laura Milan

Architetto e dottore di ricerca in Storia dell’architettura e dell’urbanistica, si laurea e si abilita all’esercizio della professione a Torino nel 2001. Iscritta all’Ordine degli architetti di Torino dal 2006, lavora per diversi studi professionali e per il Politecnico di Torino, come borsista e assegnista di ricerca. Ha seguito mostre internazionali e progetti su Carlo Mollino (mostre a Torino nel 2006 e Monaco di Baviera nel 2011 e ricerche per la Camera di Commercio di Torino nel 2008) e dal 2002 collabora con “Il Giornale dell’Architettura”, dove segue il settore dedicato alla formazione e all’esercizio della professione. Dal 2010 partecipa attivamente alle iniziative dell’Ordine degli architetti di Torino, come membro di due focus group (Professione creativa e qualità e promozione del progetto) e giurata nella nona e decima edizione del Premio architetture rivelate. Nel 2014 costituisce lo studio associato Comunicarch con Cristiana Chiorino e Giulietta Fassino.

Copyright © - Riproduzione riservata
Per il Walkie Talkie di Rafael Vinoly il giardino pensile piu’ alto di Londra Architetto.info