Progettare hotel e alberghi: i fattori essenziali | Architetto.info

Progettare hotel e alberghi: i fattori essenziali

Dalla sicurezza al comfort, dall'accessibilità all'inserimento nel contesto ambientale: quali sono i requisiti essenziali per il progetto delle strutture turistico-ricettive a uso alberghiero?

Albergo_in_grecia
image_pdf

Nell’ampio panorama dell’edilizia turistico-ricettiva, le strutture a uso alberghiero come alberghi, pensioni ed hotel devono dimostrare di possedere una serie di requisiti essenziali, che l’abilità del progettista coordina e integra in un progetto unitario. Ma quali sono le caratteristiche fondamentali da considerare nel progetto? Vediamole più in dettaglio.

Sicurezza
Il lavoro progettuale deve amalgamare le diverse esigenze delle strutture alberghiere, formate da ambienti diversi per usi diversi e frequentate sia da lavoratori che da utenti. Oltre ai requisiti antinfortunistici per tutti coloro che frequentano la struttura, gli ambienti di lavoro devono sottostare alle relative norme specifiche, aerazione adeguata, illuminazione, ventilazione, protezione dall’umidità ecc.

Antincendio_Alberghi

Vi è poi anche la sicurezza antincendio delle strutture (leggi di più sulla nuova regola tecnica per la sicurezza antincendio negli alberghi che possono contenere tra i 25 e i 50 posti letto). Per la protezione antincendio, occorrerà prevedere elementi tagliafuoco e scale a prova di fumo per la compartimentazione dell’edificio, e vie di fuga, corridoi, scale, ascensori ecc. opportunamente dimensionati per favorire l’evacuazione delle persone verso zone sicure, rapidamente e facilmente. Si deve tenere conto, oltre che della diversa tipologia di frequentatori della struttura (lavoratori o ospiti occasionali) anche del fatto che alcuni spazi possono essere più affollati di altri, ad esempio le sale comuni, gli spazi di ristoro ecc.., a seconda dei momenti della giornata. Inoltre, le varie parti dell’edificio dovranno essere accessibili ai mezzi di soccorso; si dovrà perciò prevedere la percorribilità interna dell’area e adeguati spazi di manovra.

Fruibilità e accessibilità

Ascensori_disabilita

Le strutture alberghiere devono essere accessibili, almeno nelle parti comuni e in alcune unità residenziali, anche alle persone con ridotta o impedita capacità motoria, secondo le prescrizioni previste dalla normativa. È necessario prevedere accessi idonei, un accesso diretto in piano e rampe adeguate per superare piccoli dislivelli, e, se necessario, adeguati mezzi di sollevamento; per l’accesso ai piani più alti, il progetto dovrà prevedere i necessari accorgimenti tecnici e un ascensore idoneo dove richiesto.

Benessere e comfort
In una struttura ricettiva alberghiera il benessere e il comfort, naturalmente, sono due elementi importantissimi che hanno un peso nella valutazione di soddisfacimento dell’utente.
L’isolamento acustico è di primaria importanza, sia verso rumori esterni, ad esempio il traffico veicolare se l’edificio è collocato in zone urbane, sia verso rumori che provengono dalla struttura stessa. Dovrà perciò essere ben studiato l’isolamento dei locali tecnici più rumorosi, di ascensori e servizi igienici, ma si dovrà porre attenzione anche a isolare le parti sensibili dell’edificio dai rumori che possono provenire dalle parti comuni, come il ristorante o il bar, le piscine o da altre camere. Si può ricorrere a pareti e vetri isolanti, e a barriere verdi che schermano anche l’edificio dai venti, dall’esposizione solare eccessiva e ne preservano la vista.

Spa Interior

In fase progettuale sarà dunque fondamentale studiare la migliore esposizione della struttura, per l’irraggiamento solare, per l’esposizione ai venti, per la visuale… Si consideri che ciò giova anche al funzionamento energetico dell’edificio. Si dovrà progettare oculatamente il dimensionamento degli infissi esterni, la superficie vetrata e la possibilità di inserire schermature con tende o altri mezzi per la privacy e per la protezione dal sole, lo spazio per terrazzi e balconi ecc….
Nel soddisfacimento del microclima interno hanno grande importanza anche la velocità dell’aria e la qualità dell’aria, e occorre evitare l’inquinamento olfattivo. È fondamentale il posizionamento accurato delle zone che possono produrre odori sgradevoli (pensiamo alle cucine, ma anche alle piscine o ad altre zone particolari), e lo studio della ventilazione naturale. Occorre considerare anche sistemi per il trattamento dell’aria, estrazione di fumi e ventilazione forzata.

Funzionalità
In una struttura ricettiva è fondamentale un attento progetto dell’articolazione complessiva per il buon funzionamento dell’insieme. Come indicazione di massima, è utile tenere distinte le aree di servizio da quelle per gli ospiti, in funzione delle attività che vi si svolgono con esigenze differenti. I percorsi e i collegamenti dovranno essere adeguati alle dimensioni e alle funzioni della struttura, ben organizzati e opportunamente differenziati in relazione all’uso, ad esempio potremo immaginare percorsi pedonali e percorsi veicolari, percorsi per gli ospiti e percorsi di servizio.

Requisiti estetici e di inserimento nel contesto
L’“immagine” che la struttura ricettiva dà di sé è importante anche sotto il profilo commerciale. Mentre per l’aspetto interno contano soprattutto i servizi offerti e le finiture, per l’esterno sarà opportuno studiare la localizzazione della struttura, ricercarne l’integrazione con il contesto e valorizzarne le caratteristiche architettoniche. Ma questa è tutta un’altra storia.

Continua a leggere: Il credito d’imposta per ristrutturare hotel e alberghi

Copyright © - Riproduzione riservata
Progettare hotel e alberghi: i fattori essenziali Architetto.info