Progetto Intesa, il sistema costruttivo a secco per l'edilizia del futuro | Architetto.info

Progetto Intesa, il sistema costruttivo a secco per l’edilizia del futuro

wpid-21151_FassaBortoloProgettoIntesa.jpg
image_pdf

Prevede la realizzazione di pareti di tamponamento perimetrale costituite da lastre in cartongesso Gypsotech e da altri materiali all’avanguardia – profili speciali, finiture, rasanti, rivestimenti colorati e materiali isolanti -, che consentono di raggiungere elevate prestazioni di isolamento termico e acustico.

È questo l’obiettivo di Progetto Intesa, nato dalla collaborazione tra Fassa Bortolo, Politecnico di Torino e aziende nel settore dell’edilizia, per realizzare un innovativo sistema costruttivo a secco per l’edilizia del futuro, finanziato dalla Regione Piemonte nell’ambito della misura Por-Fesr relativa ai poli di innovazione. Il polo di riferimento è Polight, cluster di ricerca e sviluppo dedicato alle tecnologie dell’edilizia sostenibile e dell’idrogeno, coordinato da Environment Park – Parco Scientifico e Tecnologico per l’Ambiente.

L’iniziativa sarà al centro del convegnoProgetto Intesa – La nuova frontiera del sistema a secco”, in programma domani, venerdì 24 gennaio, all’interno di Klimahouse 2014, alle ore 9 in Sala Convegni Latemar: un’occasione di incontro e di confronto tra i professionisti del settore, architetti e progettisti. I docenti del Politecnico di Torino, che hanno eseguito la ricerca, saranno i relatori ed esporranno i risultati della sperimentazione scientifica; i responsabili tecnici Fassa Bortolo illustreranno le dinamiche progettuali e tecniche.

Con lo scopo di verificare in opera tali prestazioni, è in corso di realizzazione, nello stabilimento produttivo di Calliano (Asti), un edificio sperimentale denominato “dimostratore” che, inoltre, permetterà di toccare con mano tutte le soluzioni adottate.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Progetto Intesa, il sistema costruttivo a secco per l’edilizia del futuro Architetto.info