Richard Meier ridefinisce l'edificio a corte | Architetto.info

Richard Meier ridefinisce l’edificio a corte

wpid-13813_RichardMeierAmburgoa.jpg
image_pdf

“Un’architettura che non è solo monumentale ma visivamente e funzionalmente sensibile”. Così Richard Meier descrive il progetto che si è aggiudicato il primo posto al concorso internazionale per la progettazione di un nuovo edificio polifunzionale nel quartiere HafenCity di Amburgo, in Germania.

Il progetto offre una nuova prospettiva sull’abituale disposizione degli edifici a corte fornendo, al contempo, un distintivo e identificabile quartier generale per la società.

Il processo di design ha preso le mosse da tre concetti che il progetto si pone l’obiettivo di integrare: l’edificio a corte; il sistema organizzativo di un struttura ibrida, che contenga al suo interno una molteplicità di usi e funzioni – appartamenti, accademia di formazione, uffici e spazi commerciali -; un’architettura singolare ed identificabile.

L’organizzazione di queste diverse funzioni è prevista per fornire unicamente il massimo beneficio per ogni tipologia di utilizzo, migliorando la funzione e l’efficienza della struttura a corte.

Pur seguendo le esigenze urbane dell’area, la struttura di sette piani integra una torre più alta sul lato rivolto a nord-ovest, “in risposta” alla vicino Marco Polo Tower.

Il design esprime diversi livelli di trasparenza, con un guscio esterno caratterizzato da pannelli traslucidi e un interno più espressivo, dove i residenti e i visitatori trascorrono il loro tempo.

Il soffitto ondulato che racchiude l’atrio divide l’area pubblica (accademia di formazione, bar, caffetteria, galleria) dalle funzioni private (residenziali, uffici) al piani superiori, ma al contempo li unisce attraverso il paesaggio interno che si viene a creare.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Richard Meier ridefinisce l’edificio a corte Architetto.info