Riforma delle professioni: il Cnappc chiede certezza normativa | Architetto.info

Riforma delle professioni: il Cnappc chiede certezza normativa

wpid-2219_architetti.jpg
image_pdf

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori si rivolge con una lettera inviata al Presidente del Consiglio Mario Monti, al Ministro della Giustizia, Paola Severino e a quello dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, esprime le preoccupazioni riguardo all?incertezza normativa in cui lavorano oltre due milioni di professionisti.

?Il processo di Riforma delle professioni iniziato a giugno del 2011 ha esaurito da tempo il suo iter parlamentare ed ora attende solo i DPR che devono essere predisposti dal Governo, sia per le Societ? Tra Professionisti che per concludere il quadro delle regole generali sulle attivit? professionali?.

Diverse le proposte rispetto alla legge 183/2011 e al Dpr di conclusione della Riforma, di cui non si conoscono a fondo i contenuti e tantomeno si ha la certezza dei termini d?approvazione.

Si legge nella lettera: ?Come sapete, noi abbiamo offerto la massima disponibilit?, con proposte presentate nel corso di numerosi incontri presso il Ministero di Giustizia, per una riforma chiara, rapida ed efficace: i 150 mila architetti italiani ? e con loro altri 2 milioni di professionisti ? da quasi un anno lavorano in una condizione inaccettabile di incertezza normativa su aspetti fondamentali come le norme deontologiche, la pubblicit?, l?assicurazione professionale, la formazione permanente. Tutto ci? nelle difficolt? gravi della recessione che sta creando disoccupazione, chiusura di Studi professionali, diminuzione drammatica del lavoro e dei fatturati?.

Gli architetti italiani sottolineano di con senso di aver anche inciso sull?equilibrio e l?innovativit? del processo di Riforma per ?creare le condizioni affinch? i professionisti italiani siano motore di sviluppo e garanzia per la comunit? nazionale?.

Rivolgendosi alle istituzioni, il Cnappc chiede, dunque, con forza al Governo ?di mettere al pi? presto all?ordine del giorno l?approvazione dei Decreti, ultima definizione della Riforma delle professioni, per permetterci di porre mano rapidamente alle nostre nuove regolamentazioni e mettere cos? i nostri iscritti in grado di affrontare il difficile lavoro quotidiano almeno con la certezza delle regole del gioco?.

?

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Riforma delle professioni: il Cnappc chiede certezza normativa Architetto.info