Solta Island Resort, il primo hotel che ruota su se stesso | Architetto.info

Solta Island Resort, il primo hotel che ruota su se stesso

wpid-3572_home.jpg
image_pdf

Un edificio capace di ruotare su se stesso è il nuovo resort di lusso progettato da Richard Hywel Evans dello Studio RHE, sul pittoresco porticciolo di Solta, a Spalato in Croazia.

L’opera s’inserisce in uno splendido contesto che comprende, oltre l’hotel centrale, anche ville e padiglioni per gli ospiti, e poi, lungo la riva, un porticciolo turistico di 170 ormeggi, uno yacht club, un palcoscenico per vari tipi di spettacoli e un Marina Village.

Il progetto, assolutamente innovativo, comprende una parte centrale “rotante” che sorge al centro di un lago, circondato da un boschetto d’ulivi, con una splendida vista sulla baia di Spalato che si raggiunge in 35 minuti di barca. Le acque del lago si riversano nel centro termale presente ai piedi della collina.

Ma come sarà la struttura rotante? La maggior parte dei dettagli è ancora segreta, ma Evans rivela: “Si tratta di un edificio di 3 piani con un diametro di 61 metri che gira su una costruzione che costituisce un perno fisso, detta Hub,  del diametro di 22 metri che conterrà la reception, scale e ascensori. La costruzione è in acciaio e sarà assemblata nei cantieri di fronte l’isola “.

{GALLERY}

La rotazione sarà lentissima in modo da non essere percepita dai clienti ma sufficiente a offrire in ogni momento della giornata una prospettiva diversa: per 1,3 volte al giorno l’edificio compirà una rotazione completa su se stesso.

Una visione dunque a 360 gradi per cambiare il paesaggio dalla mattina alla sera: dal mare Adriatico, alle vestigia romane di un allevamento di pesci dei tempi di Diocleziano, ad un romantico bosco croato.

I padiglioni dove alloggeranno i clienti, saranno circondati da muretti d’ardesia atti a creare degli spazi privati per gli ospiti, e avranno delle grandi vetrate che danno sulle piscine private coperte, dotate di ali d’alluminio riflettente.

I residence, saranno tra loro interconnessi  in gruppi di quattro, grazie ai muretti in pietra che ne disegnano il perimetro e avranno alberi d’ulivo che sorgono dalle piscine racchiusi da tubi di vetro.

L’inizio dei lavori, per il progetto frutto di cinque anni di lavoro, è atteso per il prossimo anno, con un costo previsto di 70 milioni di sterline (circa 90 milioni di euro).

Copyright © - Riproduzione riservata
Solta Island Resort, il primo hotel che ruota su se stesso Architetto.info