The Interlace premiato dal Council of tall buildings | Architetto.info

The Interlace premiato dal Council of tall buildings

wpid-23872_theinterlaceomacover.jpg
image_pdf

The Interlace”, un complesso residenziale a Singapore, ha vinto l’Urban Habitat Award del Council on tall buildings and urban habitat (Ctbuh). Si tratta di un nuovo riconoscimento istituito quest’anno dal Council per segnalare torri e grattacieli il cui valore va ben oltre l’edificio in sé, e si concretizza in una forte influenza sul contesto urbano in cui sono inseriti, anche sul profilo ambientale e culturale.

Progettato da Oma con Ole Scheeren come designer & partner, il complesso è composto da 1.040 unità, organizzate in blocchi da 31 appartamenti. Ognuno di essi è disposto su sei livelli e lungo 70 metri, accatastati in schemi esagonali attorno a otto grandi corti. La modalità di accatastamento dei blocchi contribuisce a creare un contesto urbanistico dall’identità ben definita, più simile a un paesaggio che a un edificio unico.

La complessa rete di connessioni con giardini e spazi comuni, intervallata da altri elementi per il tempo libero, contribuisce a generare molteplici occasioni di interazione sociale e ricreativa a diversi livelli, dai tetti agli spazi tra le unità.

“The Interlace attua in modo creativo il potenziale offerto da un ambiente tropicale, invertendo la tipologia ‘torri nel parco’ a favore della tipologia ‘torri come parco‘”, ha dichiarato Jeanne Gang, fondatrice dello Studio Gang Architects e presidente di giuria. “Integrando livelli viventi orizzantali e verticali, l’opera diventa qualcosa di molto superiore alla somma delle sue parti”, ha aggiunto.

“The Interlace dimostra in modo forte la vera opportunità che gli edifici alti avrebbero di creare spazi urbani di qualità in altezza, se solo abbattessimo il nostro preconcetto che ci porta a progettare grattacieli come icone unitarie, senza connessioni”, ha aggiunto Antony Wood, direttore esecutivo del Ctbuh e membro della giuria. “Non ci stupisce che sia stata Singapore a supportare un progetto di questo tipo, data la sua recente storia di edifici alti connessi tra di loro, dotati di giardini sviluppati in altezza. Finalmente, in The Interlace, vediamo le intenzioni dei metabolisti giapponesi attuate in modo fantastico”.

La giuria del nuovo premio ha voluto segnalare anche il Neo Bankside a Londra, un progetto residenziale sul Tamigi, da 217 unità, per la sua sofisticata capacità di connettersi al tessuto urbano del Southwark, potenziando il suo spirito contemporaneo e l’eredità industriale del sito.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
The Interlace premiato dal Council of tall buildings Architetto.info