Un open space con un’unica porta a battente a Bibano | Architetto.info

Un open space con un’unica porta a battente a Bibano

Un open space di 165 mq in cui i locali di servizio sono nascosti da un’unica porta a battente filo muro con la stessa finitura della parete è stato realizzato a Bibano (TV). Ecco tutti i dettagli e le soluzioni scelte

ECLISSE_Syntesis Battente
image_pdf

165 mq per una casa unifamiliare con spazi luminosi e funzionali. Queste le caratteristiche di una casa su due livelli, progettata per far fronte alle esigenze di una famiglia con due bambini a Bibano, frazione in provincia di Treviso.

Il desiderio dei proprietari era quello di vivere all’interno di una casa luminosa per godere a pieno del contesto verde circostante e del paesaggio collinare del trevigiano. L’obiettivo principale del progetto era poter disporre di spazi adeguati, non eccessivamente ampi, ma sempre funzionali.

Per sfruttare al massimo le superfici e razionalizzare gli spazi si è optato per una soluzione di open space degli ambienti al piano terra che contenesse e celasse tutti i locali di servizio. Per questo motivo, l’accesso alla lavanderia e stireria, allo sgabuzzino e al piccolo bagno del piano inferiore è stato nascosto da un’unica porta a battente filo muro che presenta la stessa finitura della parete, in modo da mimetizzarla perfettamente. Non solo, lo zoccolino che delimita la parete dove si colloca la porta, è anch’esso filo muro e in legno laccato bianco, garantendone il minor impatto visivo possibile.

Il battiscopa filo muro di altezza 60 millimetri è stato posato su tutto il piano terra, così come sulla scala e lungo tutto il corridoio del piano superiore.

Proprio questo elemento è diventato una sorta di unità di misura e riproposto in diversi elementi della casa. Infatti, oltre ad essere la misura dell’altezza del battiscopa, questa dimensione è diventata il riferimento che definisce anche l’altezza del toro della scala, lo spessore delle mensole della libreria e l’altezza delle gole in cartongesso a soffitto. Questo dettaglio, anche se difficile da cogliere al primo sguardo, contribuisce a dare armonia ed equilibrio all’arredo nel suo complesso.

Le scelte decorative della casa uniscono tradizione e modernità, combinando luce, finiture e materiali. A terra è stato scelto un pavimento in travertino a posa irregolare (opus incertum) sia per gli interni che per gli esterni. Il caminetto, disegnato dall’architetto su idea della proprietaria, è rivestito da un marmo canadese Forest Brown che si caratterizza per il colore marrone e marcate venature più scure. I dettagli del caminetto in rovere, riprendono la finitura della libreria, dei serramenti, del tavolo e delle scale che portano al piano superiore e alla zona notte. Il battiscopa filo muro è stato integrato anche nella base del caminetto.

Le soluzioni Eclisse per la porta a battente battente filo muro e per il battiscopa

L’architetto Chiara Carniel, che ha curato il progetto e ne ha diretto i lavori, ha scelto i prodotti Eclisse per dare un valore aggiunto al progetto. La possibilità di abbinare anche il battiscopa congiuntamente alla porta filo muro è stato determinante per la creazione di una parete perfettamente uniforme, omogenea e priva di interruzioni. In particolare, il profilo Eclisse Syntesis Battiscopa è stato studiato per essere compatibile e agganciarsi direttamente ai telai e controtelai della linea Eclisse Syntesis Collection in modo che non ci siano interruzioni fra l’elemento battiscopa e porta. Il profilo in alluminio può essere posato sia in presenza di pareti in intonaco che in cartongesso.

L’architetto Chiara Carniel

Classe 1981, Chiara Carniel si è laureata in architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia. Il suo interesse per la progettazione degli esterni, dei giardini e degli spazi pubblici l’ha portata a proseguire gli studi all’estero, presso la Escuela Tecnica Superior de Arquitectura de Barcelona (ETSAB) dove ha frequentato un master in architettura del paesaggio. Nel corso della sua carriera ha partecipato a numerosi concorsi, aggiudicandosi nel 2013 il primo premio nella gara ad inviti “Aménagement d’une zone d’activités d’interêt général“ – Amministrazione comunale di Auderghem (Bruxell).

Tra le sue esperienze più significative, spicca il suo contributo nel team che, in collaborazione con lo Studio Mario Botta, si è occupato della realizzazione e della riqualificazione dell’ex area Appiani di Treviso. Libera professionista dal 2009, attualmente collabora con lo Studio P & C Engineering e con lo Studio di Architettura CM Associati, entrambi di San Vendemiano, Treviso.

Progetto Casa familiare di nuova costruzione
Realizzazione 2016
Luogo Bibano, Treviso
Superficie 165 mq su due livelli
Direzione lavori arch. Chiara Carniel e arch. Monia Minetto – CM associati, Treviso
Prodotti ECLISSE ECLISSE Syntesis Line battente, misure 700 x 2100 mm telaio per porte battente filo muro con pannello porta grezzo con primer.

ECLISSE Syntesis Line battiscopa, profilo per battiscopa filo muro e battiscopa in legno laccato bianco.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Un open space con un’unica porta a battente a Bibano Architetto.info