Ad Angela Deuber l'ArcVision Prize 2015 | Architetto.info

Ad Angela Deuber l’ArcVision Prize 2015

La terza edizione di ArcVision, premio annuale tutto al femminile promosso da Italcementi, arriva nel Cantone dei Grigioni con Angela Deuber

wpid-26315_AngelaDeuberArchitectPortraitSSCopia.jpg
image_pdf

 

L’architetta Angela Deuber (nata in Germania ma naturalizzata svizzera, classe 1975) è la terza vincitrice dell’ArcVision Prize – Women and Architecture, il premio annuale tutto al femminile lanciato da Italcementi nel 2012 e giunto alla sua terza edizione, patrocinata, nell’anno dell’esposizione universale di Milano, anche da Women for Expo.

Il riconoscimento, consegnato venerdì 6 marzo nell’i.lab di Bergamo realizzato su progetto di Richard Meier, resta in Europa dopo avere toccato il Portogallo di Ines Lobo (vincitrice 2013) e il Brasile di Carla Juaçaba (2012) e ha riconosciuto con le Menzioni d’onore la sudafricana Kate Otten, la tailandese Patama Roonrakwit e l’indiana Samira Rathod. A valutare una giuria tutta femminile, che, insieme a presenze come la direttrice del Premio Pritzker Martha Thorne, ha avuto al suo interno le architette Odile Decq, Louisa Hutton (Sauerbruch Hutton), Yvonne Farrell (Grafton Architects) e Benedetta Tagliabue (Embt).

 

LEGGI ANCHE: Le donne architetto aumentano ma guadagnano meno degli uomini

Il lavoro dell’architetta svizzera è emerso in una rosa finale che parlava italiano e comprendeva Giulia De Appolonia (per sette anni socia di Camillo Botticini in abdarchitetti), Simona Malvezzi (fondatrice nel 2001 a Berlino del pluripremiato studio Kuehn Malvezzi insieme a Johannes Kuehn e Wilfried Kuehn) e Michaela Wolf (titolare a Bressanone di bergmeisterwolf con Gerd Bergmeister).

Angela Deuber si laurea nel 2002 all’Eth di Zurigo, dove è assistente dal 2007 al 2010 (attualmente è lecturer all’Università di Lucerna). Nel 2006 fonda lo studio Angela Deuber Architect a Coira, piccolo centro capoluogo del Cantone dei Grigioni, contesto fondamentale sia per la sua formazione che per l’indirizzo preso dalla successiva pratica architettonica.

Il Cantone dei Grigioni negli ultimi trent’anni è stato infatti lo sfondo alla crescita di un’architettura spesso di piccola scala, sofisticata e rispettosa dell’inserimento nei contesti e la cui indiscussa qualità è celebrata, a partire dalla copertina che “The Architectural Review” ha dedicato nel 1991 alla cappella di Sogn Benedetg di Peter Zumthor, nella pubblicistica di settore e in mostre sempre più numerose. Un’architettura dalla forte identità, caratterizzata da un regionalismo attento al contemporaneo che si confronta con i caratteri di un paesaggio alpino sempre presente.

E si manifesta attraverso interventi che sviluppano in modo personale consolidate tradizioni costruttive e formali avvalendosi spesso dell’espressività di materiali come il calcestruzzo armato a vista e il legno. Tra i progettisti operanti più noti e attivi, oltre allo schivo Zumthor (il cui atelier è divenuto fucina per la crescita di molti giovani), si contano lo studio di ingegneria civile di Jürg Conzett, Gianfranco Bronzini ePatrick Gartmann, Valerio Olgiati, Gion A. Caminada (diventato presto un’icona il suo intervento nel villaggio di Vrin), Valentin Bearth & Andrea Deplazes e Kristian Kerez.

 

Interno della scuola realizzata a Thal (© Schaub Stierli Fotografie)

 

 

E opere già pluripubblicate (anche se per ora prevalentemente in contesti di lingua tedesca) come il recupero e la rifunzionalizzazione di un edificio risalente al XIV secolo nel piccolo centro di Stuls completati nel 2012 o il razionalismo strutturale e il calcestruzzo a vista sull’esterno e negli interni dell’intervento ex-novo per la scuola di Thal, nel Canton San Gallo, proseguono il tracciato di questo cammino.

 

Render di progetto dell’edificio polifunzionale Seefeld a Buochs (© ADA)

 

 

Oltre a un premio in denaro parzialmente destinato a iniziative progettuali con finalità sociale, Angela Deuber passerà, come chi l’ha preceduta, due settimane all’i.lab di Bergamo per lo sviluppo di una ricerca.

 

SCOPRI LE ALTRE DONNE ARCHITETTO VINCITRICI DELL’ARCVISION PRIZE 

 

 

 

 

 

 

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Ad Angela Deuber l’ArcVision Prize 2015 Architetto.info