Chi è Hashim Sarkis, il curatore della Biennale Architettura 2020 | Architetto.info

Chi è Hashim Sarkis, il curatore della Biennale Architettura 2020

Un breve profilo di Hashim Sarkis, nominato Direttore del Settore Architettura della Biennale di Venezia e incaricato di curare la prossima Mostra Internazionale, che si terrà dal 23 maggio al 29 novembre 2020

Hashim Sarkis
Hashim Sarkis
image_pdf

Ad appena un mese dalla conclusione della 16esima edizione, sono già stati svelati il nome del curatore e le date della prossima Mostra Internazionale di Architettura. Il Cda della Biennale di Venezia, riunitosi martedì 18 dicembre, ha deliberato di nominare Hashim Sarkis Direttore del Settore Architettura e gli ha attribuito lo specifico incarico di curare la 17esima Mostra Internazionale di Architettura, che si terrà dal 23 maggio al 29 novembre 2020. Il Cda ha anche deliberato che la pre-apertura terrà nelle date 21 e 22 maggio 2020, mentre l’inaugurazione al pubblico sarà sabato 23 maggio 2020.

La nomina dell’architetto originario del Libano, già titolare dell’Hashim Sarkis Studios (HSS) e Preside della School of Architecture and Planning al Massachussetts Institute of Technology, è stata proposta dal Presidente della Biennale di Venezia, Paolo Baratta, che ha dichiarato: “Con Hashim Sarkis, la Biennale si dota di un Curatore particolarmente sensibile ai temi e alle urgenze che la società, nelle diverse contrastanti realtà, pone per il nostro abitare”.

“Il mondo sta lanciando nuove sfide all’architettura. Sono impaziente di lavorare con architetti provenienti da tutto il mondo per immaginare insieme come affrontare queste sfide – è il commento del neonominato curatore, come riportato sul sito della Biennale – Grazie al Presidente Baratta e al team della Biennale di Venezia di fornire all’architettura questo importante luogo di incontro. Sono onorato ed emozionato”.

Chi è Hashim Sarkis

Hashim Sarkis è architetto, docente, ricercatore e autore di vari libri e articoli sulla storia e la teoria dell’architettura moderna. È laureato sia in Architettura che in Belle Arti, entrambe conseguite alla Rhode Island School of Design. Ha un master e un dottorato in Architettura, ottenuti alla Harvard University, dove è stato anche Aga Khan Professor di Architettura del Paesaggio e Urbanistica.
Ha iniziato la carriera di architetto negli anni ‘90 a Beirut, una città in ricostruzione dopo anni di guerra. Successivamente, si è stabilito definitivamente nel New England. Alla pratica affianca l’insegnamento e un profondo studio del territorio e delle diversità.
Oltre che ad Harvard, ha insegnato anche alla Rhode Island School of Design, alla Yale University, all’American University di Beirut e al Metropolis Program di Barcellona. Dal 2015 è Preside della School of Architecture and Planning al Massachussetts Institute of Technology (MIT). Nel 2016 è stato membro della giuria internazionale della Biennale Architettura.

Hashim Sarkis Studios 

Hashim Sarkis è titolare di uno studio che porta il suo nome: l’Hashim Sarkis Studios (HSS), fondato nel 1998 e con sedi a Boston e Beirut. Lo studio HSS si è distinto nell’ambito dell’edilizia sociale e residenziale, ma ha all’attivo anche parchi, edifici istituzionali e interventi di pianificazione e progettazione urbana.
Ha ricevuto vari riconoscimenti per i suoi progetti e i suoi lavori sono stati esposti in tutto il mondo, tra cui al Padiglione degli Stati Uniti alla Biennale Architettura 2014, al Padiglione dell’Albania alla Biennale Architettura 2010, al Museum of Modern Art di New York, alla International Architecture Biennale di Rotterdam, alla Bi-City Biennale of Urbanism/Architecture di Shenzhen e Hong Kong e alla Bienal de Arquitectura y Urbanismo di Valparaíso.
Tra i progetti più noti dello studio di Hashim Sarkis ci sono le Courtower Houses sulla costa di Aamchit e un complesso di Alloggi per i Pescatori a Tiro, una delle comunità più povere del Libano, molto orgogliosa della propria identità. Tra i progetti architettonici più interessanti c’è anche la realizzazione di un nuovo polo urbanistico, con municipio, spazi pubblici, aree pedonali e un centro turistico, nella parte moderna della città di Byblos, a 37 chilometri da Beirut in Libano, uno dei più antichi luoghi abitati al mondo e il cui fulcro storico è stato dichiarato dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità.
Lo studio di Hashim Sarkis ha inoltre progettato il Padiglione “The Street” della Shenzhen Hong Kong per la Biennale 2011-2012 e la scuola dell’SOS Children Village, un’organizzazione internazionale che sostiene lo sviluppo e la sostenibilità delle comunità locali istituendo scuole per i bambini, presso il villaggio di Ksarnaba, nella Valle della Bekaa in Libano.
È in fase di costruzione un complesso abitativo situato su uno dei pendii di Yarzeh Hills, sempre a Beirut: dieci edifici posizionati sul pendio in modo tale da preservare la topografia naturale delle colline di Yarzeh. Ogni appartamento ha una terrazza o al piano terra o sul tetto e gli spazi intorno agli edifici sono “colmati” da alberi tipici della regione, per un progetto che fonde insieme senza interruzioni architettura e natura.

Le sue pubblicazioni

Hashim Sarkis ha scritto e curato vari libri e articoli sulla storia e la teoria dell’architettura moderna. I più noti sono Josep Lluis Sert, The Architect of Urban Design, Circa 1958, Lebanon in the Projects and Plans of Constantinos Doxiadis e Le Corbusier’s Venice Hospital. Inoltre, i lavori del suo studio sono presenti in diverse pubblicazioni, tra cui una recente monografia su NESS.docs: USA, Lots of Architecture.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Chi è Hashim Sarkis, il curatore della Biennale Architettura 2020 Architetto.info