Quando un parco non è solo un parco | Architetto.info

Quando un parco non è solo un parco

wpid-4372_reflue.jpg
image_pdf

Una zona abbandonata sotto una serie di cavalcavia a Toronto sta per essere trasformata in un gioiello urbano. Situato nella zona Don West – casa al Villaggio per il 2015 Pan American Games atleti ‘- Sottopassaggio Parco coprirà un totale di 1,05 ettari (2,5 ettari) sotto e attorno alla Avenue orientale e Richmond / Adelaide cavalcavia, tra Cherry Street e Bayview Avenue.

La funzione del parco sarà quella di rimuovere una barriera psicologica convertendo lo spazio abbandonato e sotto le rampe veicolari, in un luminoso quartiere dalle molteplici destinazioni. Verranno costruiti alloggi nella parte nord orientale del West Lands che avranno ampi spazi di parco e connessioni sicure e al resto del quartiere.

Il non ancora parco – in questi giorni, il sito sembra piuttosto un mare di fango, con squadre di lavoro che si dispiegano su tutta la lunghezza del sito – è uno dei 14 spazi pubblici già costruiti sotto l’egida del Waterfront di Toronto, l’agenzia creata nel 2001 dai tre livelli di governo per sovrintendere la rivitalizzazione di Toronto e del vecchio porto di terre.

L’intenzione non era semplicemente quella di integrare un processo industriale – depurazione delle acque piovane – nel parco, ma anche di mostrare, quasi celebrare, tale processo. Questi sono i sistemi, in genere nascosti nelle città, che però forniscono le funzioni urbane basilari che diamo per scontate. E così Sherbourne Park sarà anche la Sherbourne Park UV Purification Facility. Sotto un padiglione progettato dall’architetto di Toronto Stefano Teeple, l’acqua sarà oggetto di un trattamento a raggi ultra-violetti. Comprende anche u

Alcune delle caratteristiche innovative e sostenibili comprendono: rifinalizzazione ciottoli di granito rigenerato scavata nelle strutture giardino comunità; utilizzo di materiali in gomma riciclata per le finiture delle superfici a contatto con l’acqua; piantumazione di più di 50 alberi per abbellire e naturalizzare lo spazio, compreso tra le rampe esistenti ; utilizzo dell’illuminazione a LED per una maggiore efficienza energetica, un letto di terra di biofiltrazione per una ulteriore pulizia delle acque reflue.

La costruzione dell’Underpass Park, il parco del sottopasso, dovrà essere inaugurata il prossimo maggio ed è un altro segno del tempo e dei progressi compiuti nelle terre occidentali. Mentre gli scavi geologici e di protezione dalle inondazioni sono in fase di completamento come la costruzione della nuova strada e del primo edificio di alloggi di cui invece è previsto l’avvio entro la fine dell’anno.{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Quando un parco non è solo un parco Architetto.info