Chipperfield conclude il restauro del Neues Museum di Berlino | Architetto.info

Chipperfield conclude il restauro del Neues Museum di Berlino

wpid-290_neuesmuseum.jpg
image_pdf

La conclusione dei lavori apre le porte all’intera Isola dei Musei a Berlino, patrimonio dell’umanità dal 1999, ora completamente accessibile. Costruito tra il 1841 e il 1859, il Neues Museum, originariamente casa per etnografici e di tesori archeologici, venne seriamente danneggiato durante la Seconda guerra mondiale, rimanendo da allora chiuso. L’architetto David Chipperfield, incaricato del progetto di restauro, ha tentato, per quanto possibile, di lasciare visibili le tracce della distruzione subita dall’edificio dalla guerra e dal tempo, visibili ancora oggi negli affreschi mancanti, nei pavimenti incompleti, nelle pareti di un cortile interno sforacchiate di colpi. Gli interventi di restauro dell’edificio, creato dall’architetto Friedrich August Stüler come ampliamento dell’adiacente Altes Museum, sono costati £49 milioni di sterline. L’apertura a carattere eccezionale dello scorso week-end – dal 6 all’8 marzo scorso – ha costituito un evento per i Berlinesi, che hanno potuto visitarlo in anteprima. Le file di oltre mezzo chilometro e le attese fino a tre ore per entrare nelle tre giornate, testimoniano l’interesse non solo per i percorsi museali – alcune stanze sono ancora vuote – quanto per il complesso in sé, diventato da tempo la principale destinazione turistica di Berlino. Rispetto ad Altes Museum, Alte Nationalgalerie, Bode-Museum e Pergamonmuseum, il Neues Museum aveva tenuto i battenti completamente sigillati sin dal 1939. Chiude adesso una storia di recupero alquanto travagliato. All’inizio della Seconda guerra mondiale l’Isola dei Musei venne infatti chiusa e le collezioni portate in parte al sicuro. Solo a metà degli anni Ottanta vennero avviati i primi lavori di consolidamento. Nel caso del Neues Museum gli interventi hanno dovuto ricostruire intere parti andate irrimediabilmente perdute, come nel caso dell’intera ala Nord-Ovest distrutta dopo il 1945. Anche l’imponente scalinata d’ingresso era fortemente danneggiata.
{GALLERY}L’approccio di Chipperfield di evitare interventi radicali è stato oggetto di non poche critiche, e non soltanto tra gli esperti. L’architetto inizierà dal 2010 la costruzione di una nuova galleria che fungerà da punto di partenza dell’Isola dei Musei e da centro visitatori. Grazie al progetto di ristrutturazione il Neues Museum disporrà ora di una superficie di 20.500 mq per ospitare il Museo egizio e il Museo di preistoria e protostoria. Insieme al Museo egizio tornerà anche il famoso busto di Nefertiti.

http://www.museumsinsel-berlin.de

Copyright © - Riproduzione riservata
Chipperfield conclude il restauro del Neues Museum di Berlino Architetto.info