Il "brutalismo" inglese in un nuova versione | Architetto.info

Il “brutalismo” inglese in un nuova versione

wpid-9962_home.jpg
image_pdf

La ristrutturazione di Park Hill Estate è il risultato di una collaborazione tra gli investitori Urban Splash, la municipalità di Sheffield, il Great Place Housing Group, la Sovrintendenza dei beni inglese, su progetto degli architetti Hawkins Brown, con lo Studio Egret West e gli architetti del paesaggio Grant Associates. La struttura originale, composta da 995 appartamenti su un lotto di 32-acri, datata 1957-61 era stata progettata da Jack Lynn e Ivor Smith, e ufficialmente aperta il 16 giugno 1961.

L’edificio festeggia il suo 50° anniversario con la presentazione dei quattro appartamenti – tipo in uno dei quattro blocchi del complesso. Il blocco di case ristrutturate ospita 75 appartamenti con unità commerciali ai livelli più bassi dell’edificio. Costruito su un sito in forte pendenza e est del centro della città, il Park Hill offre una vista panoramica sulla città. Il profilo dell’edificio sfrutta la topografia del sito mantenendo costante il livello del tetto. L’altezza dei blocchi varia da 4 a 13 piani.

Nonostante la complessità del disegno originale, il suo linguaggio brutalista cadde in rovina nel 1980, per i suoi detrattori, esso rappresentava ciò che non aveva funzionato nel Social Housing in Gran Bretagna dopo la seconda guerra mondiale.

La ristrutturazione sfrutta l’intelligenza del progetto originale, ottimizzando tutte le sue migliori qualità: 

– duplice facciata 

– ventilazione naturale e sistema di riscaldamento separato 

– balcone privato per ogni appartamento 

– l’orientamento degli appartamenti, con esposizioni a sud e ovest per massimizzare la luce naturale e il calore, e le camere rivolte a nord o est 

– strade di accesso esterno che utilizzano la topografia del sito, collegando passerelle aeree al livello del suolo.

Attraverso il dialogo e la collaborazione con la sovrintendenza (English Heritage) e il dipartimento di urbanistica e pianificazione della municipalità di Sheffield, si sono conseguiti ottimi risultati architettonici: 

– la muratura in elevazione è stata sostituita con audaci pannelli colorati in alluminio anodizzato, un materiale luminoso e riflettente, che fornisce maggiore contrasto con la strada rispetto alle tonalità originarie della muratura 

– le balaustre in cemento sono state sostituite con elementi prefabbricati dal design più sottile con una finitura di qualità superiore 

– i fronti nord ed est sono stati aperti invertendo il rapporto vuoto-pieno inserendo per 2/3 vetri, e lasciando per 1/3 il pieno. Questo dà alle camere da letto precedentemente scure molta più luce naturale. 

– le piante degli appartamenti sono state modificate per aumentare lo spazio di archiviazione

– un nuovo taglio di 4 piani del blocco nord-ovest crea un ambiente accogliente e un ingresso nuovo alle residenze

– una scala elicoidale esterna in acciaio inox lucidato e i vetri del nucleo dell’ascensore esterno sulla facciata ovest del blocco nord-ovest forniscono un’efficiente circolazione verticale offrendo altresì una vista panoramica della città, mentre segnano il nuovo ingresso civico.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il “brutalismo” inglese in un nuova versione Architetto.info