Il centro culturale che nasce da un'antica fattoria | Architetto.info

Il centro culturale che nasce da un’antica fattoria

wpid-12240_aa.jpg
image_pdf

Si chiama “Léonce-Georges”, dal nome di un personaggio locale, il nuovo centro culturale che gli architetti dello studio spagnolo Calderon-Folch-Sarsanedas hanno progettato per la piccola città di Chauffailles, in Francia.

Il risultato è uno spazio multifunzionale realizzato in legno locale che reinterpreta l’architettura rurale tradizionale della Borgogna. La città ha messo a disposizione degli architetti un’antica fattoria, con l’idea di ristrutturare l’edificio esistente e creare una nuova struttura. L’originale pianta a “L” è stata conservata, insieme con la caratteristica muratura in pietra, le travi in legno e le tegole di ceramica, al fine di rispettare la cultura agricola locale.

La nuova struttura è realizzata interamente in abete locale con sottili telai in acciaio, come risposta materiale agli adiacenti linguaggi architettonici. Le sezioni prefabbricate consentono alla struttura di essere smontata in futuro.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Il centro culturale che nasce da un’antica fattoria Architetto.info