Il montauto elettrico per un edificio storico torinese | Architetto.info

Il montauto elettrico per un edificio storico torinese

wpid-19112_IdealPark.jpg
image_pdf

{GALLERY}

Le nobili linee barocche di un edificio storico nel cuore di Torino, Palazzo Valperga, sono state arricchite con l’architettura più innovativa e moderna, offrendo un nuovo modello abitativo. Situato in una delle più suggestive vie della capitale sabauda, il Palazzo interamente ristrutturato e ri­portato alle sue forme essenziali, è stato rinnovato con impian­ti, infrastrutture e finiture capaci di migliorarne la funziona­lità senza comprometterne lo storico aspetto originario.

Si tratta di un nu­cleo seicentesco con facciata tardo-settecentesca. Valperga lo edificò nel 1663, nel Settecento venne ristrut­turato ed ampliato dall’architetto Barberis che ne arricchì la struttura originale. Nel XIX secolo il palazzo assunse infine, grazie all’avvocato Gattino, la sua connotazione di sede no­biliare e luogo di prestigio culturale torinese.

Caratterizzato da una straordinaria sobrietà planimetrica, creata da Valperga e da inedite e raffinate soluzioni, adottate da Barberis, queste sono state recuperate in chiave contemporanea per incontrare le esi­genze delle nuove generazioni.

Tutti gli appartamenti, uffici e spazi comuni sono stati ri­portati alla loro struttura essenziale, restaurati e riqualificati, dotati di impianti, infrastrutture e finiture che ne hanno migliorato funzionalità e comfort, con una particolare attenzione al be­nessere abitativo senza compromettere e, anzi, esaltando l’estetica originale, così ricca di fascino, storia e cultura.

Il progetto è stato affidato allo studio “The Number 6”, che ha lavorato con esperti ambientali, agronomi, impiantisti e tecnici per assicurare comfort, innovazione e qualità costruttiva strettamente le­gati a sicurezza. Elemento di grande importanza è l’automazione dell’edificio.

La residenza, infatti, di 5 piani più due ammezzati, si sviluppa su una superficie di 6.500 mq, ospita 36 appartamenti e 36 box auto interrati. La superficie in pianta non consentiva di ottenere un numero adeguato di posti auto, pertanto il progetto ha previsto di sfruttare lo spazio in verticale ed ottenere sei livelli di parcheggio interrati.

La tecnologia che consente di trasportare le vetture ai piani dell’autorimessa in armonia con la filosofia dell’edificio consiste in due ascensori per auto IdealPark a funzionamento elettrico. I vantaggi di questa soluzione sono tradotti sia nel risparmio energetico che nelle performance dell’impianto, decisamente più veloce della tecnologia a funzionamento idraulico a parità di potenza installata.

Gli ascensori per auto utilizzati con funzionamento completamente elettrico, sono dotati di un dispositivo per il recupero dell’energia simile al KERS impiegato in Formula Uno. Durante la discesa dell’impianto la potenza elettrica prodotta, circa 40% della potenza del motore, viene totalmente recuperata e resa disponibile all’utenza.

Il motore dispone di elettrofreno ed azionamento ad inverter con controllo vettoriale.

Il sistema di funzionamento elettrico fa risparmiare energia e rende il montauto elettrico una soluzione eco-friendly ideale per dislivelli elevati, traffici intensi e molte vetture da servire.

Questi impianti con due colonne laterali sono infatti adatti a dislivelli fino a 50 m ed inoltre non richiedono un locale macchine dedicato in quanto i quadri di manovra possono essere collocati ovunque.

I montauto installati nel Palazzo hanno una portata di 2700 kg ed i loro pianali sono larghi 270 cm e lunghi 540 cm. Gli impianti coprono un dislivello di 13,5 m distribuiti su sei livelli di parcheggio percorsi ad una velocità di 0.41 m/s a vuoto e 0.23 m/s a pieno carico con un motore da 15 kW.

Le chiusure consistono in 6 serrande avvolgibili automatiche in alluminio verniciate di rosso.

Sono sistemi dotati di ogni comfort: dal telecomando per la chiamata direttamente dalla strada, al display ad ogni piano che indica la posizione dell’elevatore ad un software programmato per ridurre al minimo i tempi di attesa. Quest’ultima programmazione permette di chiamare l’impianto più vicino e rendere la piattaforma disponibile ai piani a seconda del flusso del traffico: si troveranno ai piani interrati negli orari quando è previsto il traffico in uscita mentre automaticamente si troveranno disponibili all’ingresso negli orari in cui si rientra e parcheggia.

Copyright © - Riproduzione riservata
Il montauto elettrico per un edificio storico torinese Architetto.info