La Fontana di Trevi restaurata grazie a Fendi | Architetto.info

La Fontana di Trevi restaurata grazie a Fendi

wpid-13924_fontanaditrevirestaurofendiarchitettiXL.jpg
image_pdf

Un passo decisivo in vista del restauro della Fontana di Trevi a Roma: è stata presentata la convezione, firmata il 14 dicembre scorso, grazie alla quale Roma Capitale riceverà dalla Maison Fendi un finanziamento da 2,18 milioni di euro per il restauro del monumento in piazza di Trevi e circa 300 mila euro per il restauro del Complesso delle Quattro Fontane.

Si tratta di un accordo dai contorni davvero particolari. Non è prevista, infatti, alcuna contropartita pubblicitaria: i teloni che andranno a ricoprire la fontana durante i lavori non riporteranno loghi di sponsor o messaggi promozionali, ma solo le statue del monumento. Solo un piccolo cartello, grande 30×40, indicherà al lato del cantiere il ruolo di Fendi. A lavori ultimati verrà apposta accanto alla Fontana di Trevi e alle Quattro Fontane una targa con i ringraziamenti di Roma Capitale a Fendi. Le targhe resteranno sul posto al massimo per quattro anni.

Realizzata nel 1735 da Nicola Salvi per Papa Clemente XII, il celebre monumento, icona della bellezza romana in tutto il mondo, non versa in buone condizioni. Lo scorso giugno, tra l’altro, alcuni stucchi in forma di foglia di alloro si erano staccati dal cornicione sinistro, comportando un intervento urgente da parte del Campidoglio, pari a 320 mila euro, su elementi architettonici e gruppi scultorei. Ad agosto il monumento fu sottoposto a un esame completo, durante il quale venne tolta l’acqua alla vasca. In quell’occasione il Sindaco annunciò il restauro, prevedendo la necessità di fondi per 2,5 milioni di euro.

Il prossimo restauro riguarderà prima il settore centrale, poi le parti laterali e infine la vasca. La durata prevista è di 20 mesi dall’avvio del cantiere, con la chiusura dei lavori stimata entro il 2015. Per quanto riguarda le cinquecentesche Quattro Fontane all’incrocio tra via XX Settembre e via del Quirinale (dedicate ai fiumi Tevere e Arno e alle dee Giunone e Diana), l’affidamento dei lavori è previsto entro la fine del 2013, grazie ad una gara ad evidenza pubblica con procedura ristretta.

Alla presentazione dell’accordo, svoltasi nell’Esedra del Marc’Aurelio ai Musei Capitolini, erano presenti Gianni Alemanno, sindaco di Roma, l’assessore alle Politiche culturali e Centro Storico Dino Gasperini, il sovrintendente alle Antichità e Belle arti di Roma Capitale Umberto Broccoli, il presidente e ad Fendi Pietro Beccari, il presidente di Altaroma Silvia Venturini, il direttore creativo Fendi Karl Lagerfeld. Secondo il sindaco, il trovato accordo “dimostra quanto importante sia la collaborazione tra pubblico e privato e come i grandi marchi romani, come in questo caso Fendi, siano impegnati nel risanamento del centro storico della Capitale”.

Copyright © - Riproduzione riservata
La Fontana di Trevi restaurata grazie a Fendi Architetto.info