La ristrutturazione di una cascina nelle terre del Dolcetto | Architetto.info

La ristrutturazione di una cascina nelle terre del Dolcetto

Nel cuore delle Langhe è stato realizzato un intervento di ristrutturazione di una tipica cascina, trasformata in casa vacanze secondo i criteri dell'edilizia sostenibile e dell'efficienza energetica

COVER_navello-villa-ribota-2
image_pdf

Una tipica cascina piemontese è protagonista di un intervento di ristrutturazione che ha mantenuto l’impianto originario del fabbricato riqualificandolo dal punto di vista energetico. Siamo a Novello, nel cuore delle Langhe, uno dei luoghi più suggestivi dell’intero territorio nazionale, diventato anche patrimonio Unesco dell’Umanità.

Circondata dai filari coltivati a Dolcetto e Barolo, la cascina “Villa Ribota” è stata trasformata in una moderna casa-vacanze grazie al progetto degli architetti di AlpineEco (Chamonix) e dall’azienda costruttrice Effettotetto di Mondovì.

La villa dispone di cinque camere da letto, quattro bagni, una piscina privata con vista sui vigneti a pochi passi dalle città di Alba, Bra, La Morra, Barolo e Monforte d’Alba. Nonostante l’intervento di ristrutturazione dell’edificio (lungo 40 metri) la villa ha mantenuto il carattere originale, evidenziando elementi chiave della struttura come pilastri in mattoni, ganci sulle pareti che venivano utilizzati nelle stalle per legare gli animali.

L’intervento di riqualificazione energetica prevede l’isolamento completo della villa tramite l’utilizzo di una miscela di tessuti e giornali riciclati e fibre di legno compressi. La casa dispone inoltre di una caldaia a biomassa e pannelli solari termici per il riscaldamento dell’acqua. La scelta dei serramenti, infine, è ricaduta sul modello Novecento di Navello pensato proprio per l’edilizia eco-sostenibile.

L’azienda piemontese ha realizzato 20 finestre e portafinestre in pino lamellare fj laccato RAL 1019, vetro selettivo 33.1/12/33.1 con gas argon e 6 persiane modello “a stecca aperta” in pino lamellare fj RAL 1019. Nonostante il progetto di riqualificazione abbia raddoppiato la superficie utilizzabile (circa 800 mq), i costi di gestione si sono ridotti del 55% circa.

Copyright © - Riproduzione riservata
La ristrutturazione di una cascina nelle terre del Dolcetto Architetto.info