Le possibilita' del marmo per il restauro contemporaneo | Architetto.info

Le possibilita’ del marmo per il restauro contemporaneo

wpid-15392_studiocalesinilow.jpg
image_pdf

Pur trattandosi di un materiale di grande “classicità”, il marmo può svolgere ruoli essenziali sia in termini di funzionalità che di estetica anche nella progettazione contemporanea, in particolare in un momento storico in cui la riqualificazione e restauro del costruito storico sono sempre più centrali nella valorizzazione del parco immobiliare.

Un esempio riuscito di impiego del marmo in un intervento di restauro arriva da Roma, dove gli architetti Ida Capra, Gianluca Graziani e Cristiana Sarapo Architetti hanno impiegato il Botticino Classico per pavimentare il piano di un edificio storico del ‘500 interamente ristrutturato, caratterizzato da un particolare soffitto decorato a cassettoni.

L’intervento ha interessato la completa riorganizzazione degli ambienti e il cambiamento della destinazione d’uso, oggi diventato uno studio odontoiatrico di ultima generazione. Lo studio si sviluppa su una superficie complessiva di circa 450 metri quadri ed è suddiviso in due zone funzionali: una dedicata allo spazio attesa, amministrazione e studio privato dei medici, l’altra, quella operativa, dove trovano posto sette studi, la sala di sterilizzazione e gli spazi di servizio dedicati al personale.

Per pavimentare lo studio sono stati impiegati 415 mq di Botticino Classico, prodotto dalla Margraf, l’azienda nata più di un secolo come Industria Marmi Vicentini. Il Botticino Classico è un materiale particolarmente resistente e duraturo, caratterizzato da rare macchie fiorite e delle venature dorate su uno sfondo color crema. Proprio grazie al suo colore neutro e alla sua resistenza, questo materiale è considerato tra i marmi più conosciuti e apprezzati nel mondo, impiegati fin dall’antichità. Il particolare formato “a correre”, scelto per questa ristrutturazione, sfrutta la completa lunghezza della lastra e limita gli sprechi generando così un minor impatto ambientale nello smaltimento degli scarti e minori costi.

Per garantire uniformità cromatica e valorizzare il marmo si è adottato il trattamento a calce delle pareti, che si incassa anche perimetralmente con uno zoccolino molto importante di altezza 26 cm. Un altro accostamento suggestivo è offerto dal rovere che si ripete nei diversi ambienti declinandosi nelle varie armadiature, boiserie, porte e arredi fissi. Insieme a marmo e legno, all’interno della stanza da bagno sono presenti anche due importanti lavabi a massello, in Botticino Classico, realizzati su misura.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Le possibilita’ del marmo per il restauro contemporaneo Architetto.info