Rigenerazione urbana: le terraços do Carmo di Álvaro Siza a Lisbona | Architetto.info

Rigenerazione urbana: le terraços do Carmo di Álvaro Siza a Lisbona

Il collegamento delle rovine del complesso do Carmo con la Città bassa completano il piano di riqualificazione della parte del Chiado distrutta nel 1988 da un incendio

principale
image_pdf

Le terraços do Carmo sono l’ultimo tassello del lungo piano recupero del centro di Lisbona impostato da Álvaro Siza Vieira e realizzano un nuovo percorso pedonale che, integrandosi con il delicato contesto, collega ciò che rimane del suggestivo complesso do Carmo alla sottostante, e omonima, via.

Composto da chiesa e convento, il complesso do Carmo è giunto a noi come suggestiva rovina che sovrasta il centralissimo quartiere del Chiado, di cui è uno dei luoghi più importanti e visitati, rendendo manifesti in ciò che rimane dei suoi muri i ricordi indelebili della distruzione provocata da uno dei più forti terremoti che la città ricordi, che nel 1755 distrusse completamente metà dell’abitato e fu il punto di inizio di un’opera di ricostruzione portata avanti in un solo anno per volontà e disposizione di Sebastião José de Carvalho e Melo marchese di Pombal. Come molti settori della capitale portoghese, il complesso do Carmo risulta sopraelevato rispetto alle vie sottostanti, collegate finora in modo diretto dal panoramico Elevador de Santa Justa che da cento anni permette di colmare i quasi 40 metri di dislivello che separano le due aree.

µlvaro-Siza terrazza do carmo 1

L’azione impostata da Siza, che ha impegnato la cifra di 2 milioni di euro ed è stata completata l’estate scorsa, ha posto come punto centrale del progetto, durante il cui cantiere sono emerse testimonianze del passato che ne sono poi diventate parte integrante, la memoria e il suo mantenimento. Si realizza attraverso un attento e minuto intervento di ricucitura e “rammendo” urbani attraverso il quale una successione di scale, rampe e terrazze panoramiche parzialmente inverdite da prati si dipana da Rua do Carmo e sbarca davanti all’abside della chiesa che, rivolto verso la “città bassa”, si offre come ottimo punto di osservazione sia della sottostante Baixa che della fronteggiante collina, la più alta della città, dominata dal Castelo de São Jorge. In cima, crea nella nuova terrazza finale uno spazio urbano, pubblico e collettivo che, al pari delle sottostanti infrastrutture, riprende nei materiali e nelle tecniche la locale tradizione delle pavimentazioni esterne posando una tipica calçada portuguesa.

Se sei interessato ad accedere a una banca dati completa di dettagli tecnici e aggiornamenti normativi sul tema del restauro e della riqualificazione, consulta Teknosolution

L’intervento completa, collocandosene pienamente nel suo solco, il piano di risanamento impostato e realizzato a cavallo tra gli anni ottanta e novanta dallo stesso Siza, autore anche del sorprendente padiglione nazionale all’esposizione universale ospitata da Lisbona nel 1998 e oggi, caso più unico che raro nel panorama dei post-Expo, divenuta area fra le più vivaci e frequentate dell’intera città.

L’architetto Premio Pritzker 1992, nonché Leone d’Oro alla carriera alla 13° Biennale di Architettura di Venezia nel 2012, nel 1989 era stato infatti incaricato dalla municipalità di impostare le linee guida del piano particolareggiato di uno dei più importanti interventi urbani del recente passato, il recupero della parte del quartiere del Chiado distrutta il 25 agosto 1988 dal più violento incendio della storia lisbonese che rischiava di diventare causa di abbandono ed esclusione dallo sviluppo del centro in seguito ai danni, anche economici, subiti.

µlvaro-Siza terrazza do carmo

Già allora Siza aveva impostato un masterplan che aveva fissato il suo punto di forza principale proprio in azioni integrate e coordinate di ricucitura urbana e miglioramento delle connessioni e dell’accessibilità a sostegno delle funzioni residenziale e commerciale. L’azione era passata attraverso il restauro e la rifunzionalizzaione degli edifici danneggiati, ma anche e soprattutto dal recupero degli spazi pubblici e di connessione, vie e piazze prima di tutto, divenuti spazi urbani in favorire di un utilizzo più ampio possibile.

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Rigenerazione urbana: le terraços do Carmo di Álvaro Siza a Lisbona Architetto.info