Rinnovamenti edilizi a Venezia: San Giobbe +160 di act_romegialli | Architetto.info

Rinnovamenti edilizi a Venezia: San Giobbe +160 di act_romegialli

La difesa dall’acqua di Venezia ha indirizzato il progetto elaborato da act_romegialli verso la trasformazione di una vecchia bottega in un’abitazione minima

© Marcello Mariana
© Marcello Mariana
image_pdf

San Giobbe +160 è la trasformazione, recentemente completata, dello spazio di una vecchia bottega, poi convertita a residenza temporanea e adesso ad abitazione, alle Fondamenta di San Giobbe in prossimità del Rio San Giobbe nella parte nord-ovest di Venezia, poco distante dall’Università Cà Foscari.

Il progetto è stato elaborato per conto di una clientela privata dallo studio di architettura di Morbegno (Sondrio) act_romegialli, costituito da Gianmatteo Romegialli, Angela Maria Romegialli e Erika Gaggia van Hardeveld, la cui attività è stata riconosciuta dal conferimento di numerosi premi, tra cui il Maestri Cosmacini nel 2002 per la sistemazione della piazza mercato ad Albese con Cassano, l’Ifaa (Institut fur Alpine Architektur) di Bolzano nel 2006 per la Casa delle Guide in Valmasino (Sondrio) e la menzione d’onore al Premio Piranesi 2012 con il Padiglione canottieri Moto Guzzi a Mandello Lario (Como).

I 40 mq complessivi tutti su un solo piano dell’intervento lo rendono poco più di un monolocale minimo, in cui i progettisti collocano i locali di abitazione: dall’ingresso verso il fondo, in successione, un locale giorno suddiviso dall’area notte da un arredo fisso, una cucina e un bagno.

planimetria

planimetria

La presenza diffusa dell’acqua e il fenomeno dell’acqua alta sono da sempre le minacce principali per l’edilizia di Venezia, città che sorge interamente sulla superficie di una laguna. E causano danni agli edifici per le infiltrazioni e gli allagamenti, colpendo soprattutto i locali al piano terreno. E proprio la difesa dall’acqua, sia alta sia di risalita che ha reso necessaria prima di tutto una bonifica complessiva dalle infiltrazioni, ha caratterizzato un progetto su questo piccolo esistente che ha evitato l’utilizzo delle paratie mobili metalliche di protezione dalle mare estremamente diffuse in città.


Partendo dalle rilevazioni periodiche effettuate tra 1870 e 2000 sui livelli medi del mare veneziano, si è potuto stabilire che la quota sul livello del mare di 1,60 m (che ha poi dato il nome al progetto) sarebbe stata sufficiente per la messa in sicurezza dell’interno dall’alta marea. È stata così realizzata e posata nella parte bassa dell’interno una vasca in cemento armato impermeabilizzata che, in aderenza alla soletta e alla base delle pareti esistenti e sigillata attraverso giunti bentonitici, crea una barriera all’ingresso dell’acqua. Le quote interne sono differenti, anche per non perdere le altezze e movimentare e ampliare l’impatto visivo: all’ingresso, tre gradini alzano il livello del pavimento dalla base degli 84 cm del canale fino a raggiungere 1,60 m, per poi scendere a 1,22 m nell’area soggiorno e risalire agli 1,60 m nell’area notte, in cucina e nel bagno.

 

sezione

sezione

 

All’interno, l’uso del bianco e la trasparenza del vetro hanno reso naturalmente più luminoso uno spazio al piano terra lungo e stretto in cui la luce esterna filtra solo da due finestre, una accanto alla porta di ingresso e una sul retro. Il cemento della vasca rimane visibile sul pavimento, mentre arredi fissi appoggiati sul cordolo di cemento “scompaiono” sulle pareti laterali completamente rivestite di legno finito a piano sega.

Localizzazione: Fondamenta di San Giobbe VENEZIA – Italy
Progettisti: act_romegialli (Gianmatteo Romegialli, Angela Maria Romegialli, Erika Gaggia) con la collaborazione di Luigi Guzzardi e Roberto Pescarollo
Cliente: privato
Anno di realizzazione: 2015

Foto: Marcello Mariana
TAG:
RINNOVAMENTI EDILIZI
VENEZIA
ACT ROMEGIALLI

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Rinnovamenti edilizi a Venezia: San Giobbe +160 di act_romegialli Architetto.info